Quantcast

Si finge poliziotto e perquisisce un automobilista in A4, denunciato un 50enne di Gallarate

Alla guida della sua utilitaria aveva affiancato un automobilista invitandolo ad accostare il mezzo per controllargli l'auto. Non ha saputo fornire una valida motivazione per il gesto

pistola polizia

Al termine di un’indagine lampo, il personale della sezione Volanti del Commissariato di Gallarate è giunto alla certa identificazione di un individuo resosi responsabile del reato di “sostituzione di persona”.

L’uomo, un cinquantottenne di Gallarate con alcuni precedenti di Polizia, il 16 luglio alla guida della sua utilitaria, senza apparente motivo aveva affiancato un automobilista mentre stava transitando sull’autostrada A4 nel territorio di Milano, invitandolo ad accostare il mezzo.

L’ignaro automobilista, residente nella bergamasca, pensando di avere qualche problema al veicolo si fermava nella prima area di sosta, venendo avvicinato dal gallaratese che a quel punto si qualificava come “Poliziotto in servizio presso la Polizia Stradale di Gallarate”.

Il falso poliziotto inscenava quindi un inverosimile controllo all’automobile, paventando sanzioni alle norme del codice dalla strada e, probabilmente per dar credito alla sua falsa qualifica, si faceva ben notare infilarsi una pistola alla cinta.

Non pago della bravata, rincarava la dose offrendo una scappatoia all’automobilista, ovvero che per questa volta avrebbe chiuso un occhio ma che avrebbe ricontattato l’uomo per verificare la messa in regola del veicolo. L’ignaro automobilista riprendeva quindi la marcia ma per nulla convinto dell’identità di quello strano “poliziotto” allertava la polizia, quella vera, che giungeva prontamente ad indentificare il malfattore, anche grazie al fatto che una volta risaliti all’identità, veniva effettuata una perquisizione presso l’abitazione dell’uomo, rinvenendo la pistola, ancora a bordo del veicolo, rivelatasi per fortuna una riproduzione in plastica priva del tappo rosso.

Non è dato sapere se il fine di quel gesto fosse quello di estorcere una somma di denaro o semplicemente per spirito di emulazione nei confronti delle forze dell’ordine, l’uomo non ha infatti fornito una spiegazione plausibile al gesto anche di fronte all’evidenza dei fatti. Il cinquantottenne è stato quindi denunciato per il reato di sostituzione di persona e la finta arma è stata sequestrata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore