Quantcast

Un impianto di raffrescamento e bagni nuovi: le richieste di Cittadinanza Attiva per l’ospedale di Angera

Giorgio Arca e Nayma Cardoso hanno seguito il sopralluogo del presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti e hanno sollevato alcune richieste determinanti per il futuro del presidio

visita di monti a ospedale angera

Un impianto di raffreddamento per le aree di degenza e la ristrutturazione dei bagni. È quanto hanno chiesto i due esponenti di Cittadinanza Attiva, Giorgio Arca e Nayma Cardoso nel corso del sopralluogo del presidente della Commissione Sanità regionale Emanuele Monti all’ospedale Ondoli di Angera.

Nel corso del sopralluogo, Monti ha evidenziato l’importanza del trasferimento dei reparti di geriatria e subacuti all’Ondoli durante l’emergenza Covid, auspicando un percorso di potenziamento di questi due servizi nel presidio angerese che otterrebbe un’importante vocazione sanitaria.

« Il presidente Monti ha assicurato che i lavori richiesti sono già previsti – ha commentato Arca – ma abbiamo chiesto che per questa estate si faccia qualcosa per alleviare il disagio dei pazienti. In geriatria, presenti il cardiologo e la geriatra, è stata evidenziata la necessità di cambiare i letti, non idonei in quanto privi della sicurezza necessaria. Bisogna sottolineare che la dottoressa Mazzei ( direttore del presidio ospedaliero, ndr)  si è subito attivata affinché i letti siano scambiati con quelli della medicina di Varese».

Sul Pronto Soccorso, i due esponenti di Cittadinanza Attiva si dicono soddisfatti del progetto di ristrutturazione e delle intenzioni di aumentare il personale dedicato: « »È stato promesso – affermano i due esponenti di Cittadinanza Attiva – che verrà aumentato il personale per raggiungere una vera efficienza come Pronto Soccorso Abbiamo potuto constatare che il personale è molto motivato ed è per questo che da settembre occorrerà iniziare a programmare le le assunzioni ed organizzare le ristrutturazioni. Abbiamo chiesto inoltre che tra le attività dell’Ospedale Ondoli, oltre a quelle dei sopracitati reparti e degli ambulatori, sia anche attivata una sezione di riabilitazione, per la quale ci è stato specificato esserci già uno studio di fattibilità».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore