Quantcast

Da Varese a Roma in bici per riscoprire i luoghi fotografati dal padre

Albachiara Papi ripercorrerà il viaggio svolto tra il Nord e il Centro Italia da suo padre, il fotografo varesino Vivi Papi, 65 anni fa

vivi papi - viaggio varese e roma

Un viaggio per ripercorrere le tracce (e le foto) del padre e scoprire come è cambiata l’Italia del centro e del nord negli ultimi 65 anni. Albachiara Papi, figlia del fotografo varesino Vivi Papi, insieme al marito e alle sue due figlie ripercorrerà in bicicletta parte del viaggio da Varese a Roma che suo padre affrontò nel 1955.

Galleria fotografica

vivi papi - viaggio varese e roma 4 di 5

La scintilla che ha dato il via a questa avventura è il ricordo di un viaggio che Albachiara svolse  insieme a suo padre Vivi lungo l’Appennino parmense nel 2001, al fine di rivedere i luoghi e rincontrare le persone conosciute durante un altro viaggio intrapreso proprio in quelle zone nel 1953. «Abbiamo documentato – racconta Albachiara Papi – con nuove fotografie i cambiamenti che si erano verificati. Il mio ricordo di quel viaggio è ancora vivido, l’esperienza effettuata è stata davvero arricchente, e questo mi spinge a volerla rivivere insieme alla mia famiglia».

«Per questo motivo – spiega Albachiara – ho pensato di ripercorrere parte del tracciato del viaggio fatto da mio padre e dai miei nonni nel 1955 da Varese a Roma e ritorno, con l’intento di ritrovare, sulla traccia dei miei familiari, le località e i personaggi incontrati nel loro viaggio, fotografarli di nuovo, e documentare così i cambiamenti e le evoluzioni del territorio e dei costumi».

«Per vivere al meglio questa esperienza – afferma Albachiara -, ripeterò questo cammino a bordo di una bicicletta cargo assieme a mio marito e alle mie due figlie di due e sei anni. Questa scelta, oltre che etica e al passo con le problematiche ambientali, rende il viaggio molto simile a quello realizzato ai suoi tempi da Vivi, persona rispettosa e amante della natura, che, con la propria famiglia, cane compreso, viaggiava in motocicletta side-car. Inoltre, dato che lui e la sua famiglia praticavano il campeggio libero, e spesso si accampavano presso famiglie conosciute lungo il percorso, anche noi ci accamperemo in tenda, per rendere il viaggio ancora più fedele».

La partenza sarà giovedì 20 agosto dal Sacro Monte di Varese, luogo di nascita di Vivi Papi. «Ritengo realistico – commenta Albachiara – progettare una prima tratta, arrivando fino a Pisa. Se il progetto andrà a buon fine, completerò il viaggio e la documentazione relativa in fasi successive».

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Università degli studi dell’Insubria, il Centro internazionale di ricerca per le storie locali e le diversità culturali e con il sostegno della Pro loco di Varese e Varese.net. Tra gli obiettivi del progetto vi è la valorizzazione dell’archivio fotografico conserva gli scatti realizzati da Vivi Papi nel corso della sua lunga carriera. L’archivio è stato donato da Albachiara, sua madre e suo fratello all’Università dell’Insubria e al momento è ospite a villa Toeplitz. L’archivio si può consultare online anche a questo link.

Il viaggio di Albachiara si potrà seguire sulla pagina Facebook “Albachiara’s Adventures” (link), dove ogni giorno verranno caricati aggiornamenti, foto e video dell’itinerario.

Chi invece volesse dare una mano ad Albachiara nella sua avventura potrà contribuire con una donazione alla campagna di crowdfunding per l’acquisto dell’attrezzatura necessaria e per sostenere le spese di viaggio attraverso la pagina Patreon dedicata (link).

Tutte le foto nell’articolo fanno parte dell’archivio Vivi Papi e appartengono all’Università degli studi dell’Insubria.

di
Pubblicato il 12 agosto 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

vivi papi - viaggio varese e roma 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore