Azione Saronno non appoggia Airoldi nè Fagioli

Il gruppo saronnese del partito di Carlo Calenda si smarca dalla decisione di Pierluigi Gilli e sceglie di nonappoggiare nessuno dei due candidati al ballottaggio

Elezioni Saronno 2020

Non sta con Airoldi e quindi nemmeno con Gilli Azione, il partito di Carlo Calenda, che nella lista “politica” a sostegno di Pierluigi Gilli ha partecipato al primo turno elettorale a Saronno

«La nostra decisione di dar vita alla sezione saronnese di Azione e di aderire al progetto della lista unitaria con Italia Viva e +Europa a sostegno della candidatura di Pierluigi Gilli è stata motivata principalmente dal riconoscimento dell’urgenza e del valore della presenza di un’alternativa democratica, liberale e seria ai deliri populisti e sovranisti – si legge nella nota firmata dal gruppo di azione Saronno -. Tra i due candidati che ora si fronteggiano al ballottaggio, Augusto Airoldi è sostenuto da liste ispirate a valori certamente non distanti da quelli (liberali, popolari e riformisti) che animano il nostro partito, mentre Alessandro Fagioli, oltre ad essere il sindaco uscente di un’amministrazione che riteniamo gravemente insoddisfacente, è sostenuto da partiti (il suo in primis) di ispirazioni assolutamente incompatibili con il nostro orizzonte valoriale e con il nostro modo di intendere la politica. Apprendiamo però con preoccupazione dell’apparentamento ufficiale tra le liste a sostegno di Airoldi e Obiettivo Saronno, lista civica che si è caratterizzata, tra le altre cose, per una campagna elettorale basata su un chiaro rifiuto della politica dei partiti, considerati – a prescindere – disonesti e inaffidabili. Abbiamo riconosciuto infatti una certa assonanza nelle poco condivisibili dichiarazioni di Airoldi in merito all’opportunità di una giunta fatta solo di persone “nuove”, come se l’esperienza e la competenza fossero da considerarsi valori negativi. Vediamo quindi, nella scelta di Airoldi, oltre che una comprensibile mossa tattica, anche il rischio di una vera e propria scelta di campo, per cui l’alleato giusto per fronteggiare la lega finirebbe per essere il populismo, in una delle sue forme più attraenti: l’antipartitismo. Pertanto, considerata anche la nostra recente fondazione (29 luglio di quest’anno) e l’ancora ridotto numero di elettori che ci conoscono e ci seguono, non vediamo ad oggi motivi sufficienti per schierarci formalmente a sostegno di nessuno dei due candidati. Non per questo faremo mancare alla giunta, qualunque sia il suo colore politico, il nostro contributo fatto di proposte e di solleciti, come caratteristico del nostro impegno e dello stile di Azione. Speriamo, infine, per il bene di Saronno, che le forze democratiche e liberali presenti nella coalizione a sostegno di Airoldi sappiano far prevalere le loro istanze di serietà e competenza sulle pressioni giovanilistiche, antipartitiche e populistiche presenti nella stessa area. Parimenti, ci auguriamo che dal centrodestra a trazione leghista si discostino le forze popolari e liberali, che poco hanno certo a che fare con l’antieuropeismo e con il sovranismo contemporanei».

Il gruppo di Azione Saronno

TUTTO SULLE ELEZIONI A SARONNO

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore