Quantcast

“Caro insegnante, dovrà dare tutto se stesso. Grazie per la passione che ci metterà”

La lettera aperta del sindaco di Castronno, Giuseppe Gabri, rivolge agli insegnanti al lavoro nel suo comune, alla vigilia del primo giorno di scuola

varie scuola

Pubblichiamo la lettera aperta che il sindaco di Castronno, Giuseppe Gabri, rivolge agli insegnanti al lavoro nel suo comune, alla vigilia del primo giorno di scuola

Caro insegnante,
Mi auguro si sia ricaricato perché, in questo anno scolastico con tutte le precauzioni causa Covid, dovrà dare tutto se stesso.
E lei lo sa bene che ci vuole cuore; quel cuore che l’ha spinta a fare questo importantissimo lavoro.
Papa Giovanni Paolo II scriveva “l’amore non è una cosa che si può insegnare, ma la più importante da imparare”.
Credo che l’amore s’impari anche ascoltando la voce dolce dell’insegnante; credo s’impari da una carezza e, per i più piccini, da una coccola, dagli occhi lucidi dell’insegnante per un traguardo raggiunto.
Insomma credo che l’amore non si possa insegnare ma solo trasmettere. Un arduo compito.
E allora anche questo anno sono qui a ringraziarla per la sua passione e per l’amore che ci metterà.
Sia amorevole!

Le auguro buon lavoro

Giuseppe Gabri,
sindaco di Castronno

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore