Quantcast

Covi e Ravasi sulle strade del Nord; Luca Chirico torna al Giro d’Italia

Il 22enne di Taino avrà spazio per cercare risultato nel BinckBank Tour che prende il via martedì 28. Il besnatese gareggerà nella Freccia Vallone e nella "Liegi" con il compito di aiutare la maglia gialla del Tour, Tadej Pogacar

covi chirico ravasi ciclismo

I due giovani corridori varesini del Team UAE Emirates sono stati convocati per alcuni appuntamenti importanti e affascinanti sulle strade del Nord dove, a causa di un’annata stravolta dal Covid-19, si correrà nei prossimi giorni. pronto a scattare sabato 3 ottobre da Monreale. Alessandro Covi disputerà infatti il BinckBankTour mentre per Eddy Ravasi il programma prevede la partecipazione alla Freccia Vallone e soprattutto alla Liegi-Bastogne-Liegi. E poi c’è la bella notizia di Luca Chirico che farà parte della Androni Sidermec che parteciperà al Giro d’Italia pronto a scattare sabato 3 ottobre da Monreale.

VIA LIBERA PER COVI

Il recente secondo posto al Giro dell’Appennino ha convinto i tecnici del Team UAE a convocare Alessandro Covi per il Binck Bank Tour, una corsa a tappe (un tempo nota come Eneco Tour) che scatta domani – martedì 29 settembre – e che terminerà sabato 3 ottobre sulle strade di Belgio e Olanda. Gara di una certa importanza, visto che è inserita nel circuito del World Tour e che in passato è stata vinta da autentici campioni come Boasson Hagen, Martin, Wellens o Doumulin.
Il corridore di Taino, che proprio oggi (lunedì 28) ha compiuto 22 anni (auguri!) prenderà il via alla gara con la possibilità (dichiarata) di provare a fare risultato: il Team UAE infatti presenta per le volate il belga Jacob Philipsen ma lascerà a Covi spazio per sfruttare la buona forma mostrata di recente. Il programma prevede cinque tappe: tre sono pianeggianti – e del resto da quelle parti di montagne non ce ne sono – una è una cronometro individuale (quella di mercoledì 30) mentre l’ultima frazione prevede colline e strappi fino a Geraardsbergen nelle Ardenne, dove è previsto l’arrivo.

RAVASI ALLA “DECANA”

Se Covi godrà di una certa libertà, Edward Ravasi sarà chiamato a compiti di gregariato di alto livello, sia per le corse che dovrà disputare sia per il capitano per cui lavorerà. Il corridore di Besnate, che ora vive a Comerio, gareggerà mercoledì 30 nella Freccia Vallone che da due anni è appannaggio del neo campione del mondo Julian Alaphilippe, mentre domenica 4 ottobre farà il suo esordio nella Liegi-Bastogne-Liegi, la “decana” (Doyenne) delle “classiche monumento” del ciclismo mondiale, che nel 1982 venne vinta dal leggiunese Silvano Contini.
In entrambi i casi, Ravasi avrà per capitano nientemeno che Tadej Pogacar, il 22enne sloveno che pochi giorni fa è entrato nella storia con la vittoria finale al Tour de France. E oltre alla maglia gialla, il Team UAE schiererà anche l’ex iridato Rui Costa, l’altro sloveno Polanc e il colombiano Henao proponendosi così come squadra da battere sul percorso delle Ardenne dove nel 2019 vinse Jakob Fuglsang. In entrambe le occasioni, la concorrenza sarà elevatissima ma per Ravasi potrà essere l’occasione per gareggiare su percorsi che hanno fatto la storia del pedale anche con compiti delicati da portare a termine.

CHIRICO, RITORNO AL GIRO

Tra gli otto corridori che l’Androni Sidermec ha annunciato per disputare il Giro d’Italia c’è anche Luca Chirico, 28enne di Porto Ceresio, tornato quest’anno tra i “pro” dopo una stagione e mezza senza corse. Una bella soddisfazione per Luca – una vittoria da professionista – che torna così alla corsa rosa dopo la partecipazione del 2015 quando vestiva la maglia della Bardiani-Csf e terminò le tre settimane di gara all’88° posto. «Abbiamo scelto i corridori con la migliore condizione fisica – ha spiegato il manager Gianni Savio – Atleti che in questa difficile stagione hanno dimostrato maggior attaccamento alla squadra».

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 28 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore