I volantini di Onda Italiana indignano Saronno

Messaggi contro la sinistra, i drogati, i clandestini e i pusher mescolati al no alla violenza sulle donne

Generico 2018

Volantini che definire beceri e privi di qualsiasi stile è poco sono comparsi nella giornata di martedì 29 settembre a Saronno.

Portano la firma un’associazione, Onda Italiana, fondata e rappresentata da Michele Castelli, saronnese, che da qualche anno ha lanciato la sua iniziativa parapolitica.

Nel testo del volantino c’è l’invito a votare Fagioli al ballottaggio del 4 e 5 ottobre se si vuole evitare il ritorno di pusher, drogati, sinistra, clandestini, 30 all’ora e delinquenza, con la chiosa finale del No alla violenza sulle donne, come se fosse un tema collegato a quelli citati sopra.

Contro la diffusione di questo tipo di messaggio a dir poco sconclusionato e divisivo si sono levate diverse voci, dal capogruppo del Pd in consiglio comunale Francesco Licata che parla di “tema serio come quello della violenza sulle donne che non può essere mischiato con la spazzatura. Anche per questo Saronno si merita di più e di meglio”, fino allo storico esponente della sinistra saronnese Roberto Guaglianone, ora in Attac Saronno, che propone azioni legali contro chi ha diffuso questo foglio: “Un mix di ignoranza e nazismo, di sgrammaticatura e cattiveria. Se fossi un esponente del centrosinistra, almeno un esposto alla magistratura io lo farei”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore