Le imprese del Varesotto avranno bisogno di 40mila nuovi dipendenti

Il dato delle assunzioni previste nei prossimi 4 anni è stato stimato dall’Ufficio studi e statistica della Camera di Commercio. In 34 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati

Generico 2018

Nell’arco dei prossimi quattro anni, le imprese varesine potrebbero avere bisogno di circa 40mila nuovi dipendenti.  Il dato, che potrebbe variare tra un minimo di 36mila e un massimo di 50mila a seconda delle oscillazioni del prodotto interno lordo italiano, è stato stimato dall’Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Varese alla luce dei risultati dell’ultima indagine Excelsior condotta da Unioncamere in accordo con Anpal (Agenzia nazionale Politiche Attive del Lavoro) e ministero del Lavoro e delle politiche sociali.

Il modello di previsione dei fabbisogni occupazionali ha infatti stimato che, a livello nazionale, tra quest’anno e il 2024 il sistema economico italiano dovrà sostituire 2,5 milioni di dipendenti per il raggiungimento dell’età di pensionamento o per altre cause. L’oscillazione del pil, naturalmente potrà incidere: si valuta infatti una possibile variazione del fabbisogno italiano tra un minimo di 1,9 milioni di occupati e un massimo di 2,7 milioni.

Da qui, anche le oscillazioni varesine. Intanto, a livello locale, le assunzioni previste dalle nostre 57mila imprese in questo trimestre e fino a ottobre sono 12.670. Questa cifra evidenzia un dato che è per il 22% più basso rispetto a quello dello stesso periodo dello scorso anno e inferiore per il 12,4% in rapporto al 2018.
Questo alla luce anche del fatto che, in provincia di Varese, in questo trimestre solo il 7% delle imprese prevede assunzioni. Entrando nel dettaglio dell’analisi, si scopre poi che al 36% delle aziende interessano giovani con meno di 30 anni.
Inoltre, in circa 34 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati.
Ritornando all’analisi di carattere nazionale, l’indagine Excelsior evidenzia che sarà il settore privato a trascinare il fabbisogno di lavoratori, soprattutto per il turnover: la forbice va da 1,2 a 2 milioni di unità. Il pubblico impiego, poi, chiamerà circa 720mila nuove posizioni, un numero in aumento rispetto al recente passato. Oscilla, invece, fra le 400mila e le 600 mila unità il fabbisogno di lavoratori autonomi. Inoltre, nonostante il turnover, alcuni settori accentueranno il calo occupazionale.
È il caso, per esempio, della filiera “Commercio e Turismo”, dove si prevede un minor fabbisogno compreso tra le 40mila e le 172mila unità nel caso peggiore, e di quella “Moda”, che potrebbe registrare una diminuzione di 55mila occupati. Diverso il percorso della filiera “Informatica e telecomunicazioni”, dove avrà un ruolo importante la prevista ulteriore accelerazione della trasformazione digitale. Qui, però, sarà elevata la difficoltà di reperimento di molte delle figure richieste

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Michi

    spero di essere uno di quei 40.000 :-D

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.