Quantcast

Pellicini attacca Norman Gobbi: “Pulizia etnica amministrativa contro i frontalieri”

Il sindaco di Luino Andrea Pellicini denuncia la "caccia alle streghe" contro i lavoratori italiani

Frontalieri

«Il dipartimento delle Istituzioni del governo ticinese, guidato da Norman Gobbi, politico della Lega dei Ticinesi, ha messo in pratica una vera e propria “caccia alle streghe” nei confronti dei cittadini italiani che vivono in Ticino e nei confronti dei frontalieri»: queste le parole forti del sindaco di Luino Andrea Pellicini.

«L’ufficio stranieri che dipende dal Dipartimento di Gobbi sta attuando una politica di “pulizia etnica amministrativa” nei confronti dei nostri connazionali, respingendo moltissime richieste di rinnovo di permessi B e C, ma di permessi G per frontalieri».

È quello che emerge dal servizio della televisione Svizzera “Falò ” andato in onda il 3 settembre.
«Non lo diciamo solo noi, ma anche molti partiti ticinesi che non si riconoscono nei metodi da stato di polizia usati dal Dipartimento di Gobbi. I nostri connazionali, soprattutto quelli che da molti anni hanno fissato in Ticino il centro della loro vita, vengono setacciati e fatti oggetto di perquisizioni all’interno delle loro abitazioni, perché la Polizia mira a verificare se vivono realmente in Ticino. Vi sono vere e proprie violazioni della privacy. Questi rapporti della polizia fanno scattare i dinieghi dei rinnovi dei permessi, con pregiudizio enorme per la vita di moltissime famiglie, molte delle quali non hanno le risorse economiche per fare ricorso. Non è possibile tollerare questi metodi».

«Le nostre autorità statali e regionali devono far sentire la loro ferma protesta – conclude Pellicini – bisogna intervenire al più presto a difesa dei nostri connazionali per far cessare questi palesi abusi nell’interpretazione della legge».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore