Quantcast

Rock & Lavoro chiude alla grande con il Concertone e il convegno sui lavoratori dello spettacolo

Chiusura "alla grande" per il festival “Rock & Lavoro” promosso dalla Cgil di Varese per celebrare i 50 anni dello Statuto dei Lavoratori, in partenariato con il Comune di Varese

Rock e lavoro, il gran finale

Chiusura “alla grande” per il festival “Rock & Lavoro” promosso dalla Cgil di Varese per celebrare i 50 anni dello Statuto dei Lavoratori, in partenariato con il Comune di Varese, con il sindaco Davide Galimberti intervenuto a portare i saluti e il suo contributo.

Il Concertone che si è svolto domenica fino a mezzanotte ai Giardini Estensi ha portato sul palco 16 band selezionate attraverso due serate di live contest al Caffè Teatro di Verghera di Samarate. Tra i partecipanti al concorso ha vinto la band Mapendo Africa Sound, capitanata dal musicista congolese Valentin Mufila.

Grande chiusura del Concertone poi con l’esibizione di quattro band: The Flag, band varesina special guest della serata, i vincitori Mapendo, di The Gang (il duo composto dai fratelli Severini – nella foto sopra) in versione acustica, di Renato Franchi and his band e si è conclusa con una jam session finale che ha visto la partecipazione di musicisti, esponenti della Cgil, lavoratori. Tutto il Concertone è stato registrato: prossimamente vedrà la luce un disco con le canzoni originali dedicate al lavoro, composte da tutti i partecipanti alla kermesse (era questa la condizione indispensabile per entrare a far parte di Rock & Lavoro).

«Bilancio positivo per la nostra iniziativa – dichiara il Segretario generale della Cgil di Varese, Stefania Filetti -. Ci ha consentito di riparlare di lavoro e diritti ai giovani, con un linguaggio musicale, capace di arrivare al cuore dei problemi in maniera diretta. E questo spaziando, attraverso i brani inediti, dal lavoro come sogno di vita all’occupazione come occasione di riscatto, oppure come precarietà e problema».

Rock e lavoro, il gran finale
Da sinistra: il sindaco Davide Galimberti, il segretario generale della Lombardia Elena Lattuada e il segretario generale di Cgil Varese Stefania Filetti

Buona inoltre la partecipazione anche al convegno “Che spettacolo di lavoro!”, organizzato nella splendida cornice della sala consiliare di Palazzo Estense su problemi e difficoltà dei lavoratori del mondo dello spettacolo dopo la pandemia. Un convegno a cui hanno portato la loro testimonianza lavoratori dello spettacolo, Stefania Filetti, Segretario generale Cgil Varese, Minnie Ferrara, Direttrice civica scuola di cinema Luchino Visconti, Emanuela Bizi, Segretaria SLC Cgil Nazionale, ed Elena Lattuada, Segretaria generale Cgil Lombardia.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 29 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore