Covid, Alfieri (Pd): “Per capire se servono lockdown locali, Fontana fornisca subito dati per provincia”

Il senatore del Partito Democratico lo ha detto a RaiNews24

Alessandro Alfieri

«Chiedo al presidente della Regione Lombardia Fontana di fornire subito i dati Covid dettagliati per provincia. E’ vergognoso che non li abbiamo, sono necessari per decidere se è necessario istituire zone rosse in provincia di Varese, che ieri ha registrato il picco di quasi 2.000 contagi in più in un giorno, o in altri territori lombardi particolarmente colpiti. I dati aggregati lombardi non sono sufficienti, serve sapere quanti tamponi sono stati fatti a Varese e nelle altre province, quanti posti sono occupati in terapia intensiva e nei reparti per ciascuna struttura sanitaria. È inaccettabile doverli ricostruire telefonando ai medici e ai direttori degli ospedali. I dati sono fondamentali per stabilire rapidamente e con oggettività eventuali misure più restrittive».

Lo ha detto a RaiNews24 il senatore del Pd Alessandro Alfieri.

«Anche a livello nazionale – ha proseguito Alfieri – va fatto un piano. Più che il numero dei contagi, dobbiamo conoscere i dati disaggregati a livello locale su ricoveri ‘normali’ e terapie intensive. Esistono algoritmi in grado di pronosticare il livello di saturazione dei sistemi sanitari locali. Non possiamo che procedere per gradi, siamo in una democrazia liberale».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Viacolvento

    Che c’entra un senatore con la regione? L’intervento sarebbe dovuto essere di un consigliere regionale.

Segnala Errore