Covid: morto Pino Scaccia, storico corrispondente di guerra Rai

Era ricoverato da qualche settimana al San Camillo. Aveva 74 anni

Generica 2020

Lutto nel giornalismo: Pino Scaccia, storico corrispondente Rai, è morto oggi a Roma all’età di 74 anni. Era ricoverato da qualche settimana al San Camillo e si è aggravato a seguito delle complicazione dovute all’infezione da Covid.

È stato uno degli inviati storici della Rai: ha seguito in prima persona la prima guerra del Golfo, il conflitto serbo croato, la disgregazione dell’ex Unione Sovietica e dell’ex Jugoslavia, la crisi in Afghanistan, senza dimenticare il dopoguerra in Iraq – fu l’ultimo compagno di viaggio di Enzo Baldoni –  e la rivolta in Libia. Sono numerosi i reportage che ha realizzato: tra questi, è stato il primo a entrare nella centrale di Chernobyl dopo il disastro.

Prima di dedicarsi a tempo pieno all’attività di blogger e scrittore, è stato capo redattore dei servizi speciali del Tg1. È stato docente del master di giornalismo radiotelevisivo all’Università Lumsa di Roma. Ha scritto 15 libri.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore