Invisibili ma indispensabili: protesta degli addetti delle pulizie degli ospedali da 7 anni senza contratto

Il presidio davanti all'ospedale di Circolo. Guadagnano meno di mille euro netti al mese e sono esposti a forti rischi soprattutto in questa fase di emergenza sanitaria

Presidio degli addetti alle pulizie davanti all'ospedale di Circolo

Circa cinquanta tra lavoratrici e lavoratori, addetti alle pulizie e al trasporto degenti dell’Ospedale di Circolo di Varese, si sono riuniti in assemblea-presidio, all’aperto e mantenendo i distanziamenti di sicurezza, per manifestare contro il mancato rinnovo del contratto collettivo nazionale, scaduto da 7 anni.

Galleria fotografica

Presidio degli addetti alle pulizie davanti all'ospedale di Circolo 4 di 11

Un comparto che dà lavoro a oltre 600 mila persone in Italia che oggi rivendicano il riconoscimento di una dignità messa in discussione da una trattativa che vede le parti datoriali e sindacali ancora molto distanti.
«Le lavoratrici ed i lavoratori che ogni giorno sanificano ospedali rischiando la salute
propria e delle proprie famiglie, che igienizzano le scuole e i luoghi di lavoro che
frequentiamo quotidianamente, non meritano di stare sette anni senza contratto collettivo. È essenziale che oggi anche agli addetti alle pulizie e al trasporto degenti vengano garantiti dispositivi di protezione individuale adeguati al rischio che devono affrontare, strumenti di lavoro idonei rispetto agli attuali datati e non più funzionali e un giusto salario negato da troppi anni» commenta Giuseppe D’Aquaro segretario provinciale della Fisascat Cisl Varese-Como.

La scelta dell’ospedale di Circolo quale luogo per effettuare il presidio, collegato in via telematica con oltre 40 piazze in tutta Italia e con piazza Barberini a Roma, non è stata casuale. «Siamo qui perché questo è un luogo simbolo – aggiunge Livio Muratore segretario generaledella Filcams Cgil -. Sono lavoratori impegnati in prima linea, addetti della sanità e per questo  esposti a forti rischi e con salari molto bassi, sono quasi tutti part time e prendono molto meno di mille euro netti, meno di sette euro lordi all’ora. Nell’igiene ospedaliera hanno continuato a tagliare ore di lavoro e numero di addetti e oggi se ne pagano le conseguenze».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Presidio degli addetti alle pulizie davanti all'ospedale di Circolo 4 di 11

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore