Meno flap, così WizzAir punta a tagliare ancora le emissioni

I flap sono le "estensioni" delle ali che si usano nelle fasi di decollo e atterraggio. La compagnia low cost, che ha una base anche a Malpensa, vuole ridurne il tempo d'uso per tagliare consumi ed emissioni

Malpensa Generiche

Wizz Air ha annunciato oggi dieci nuove iniziative di risparmio di carburante, come parte del suo impegno costante volto a ridurre le emissioni di carbonio di un ulteriore 33% entro il 2030.

Oltre alle 25 iniziative di risparmio di carburante implementate negli ultimi anni, Wizz Air – che da giugno ha aperto una nuova base a Malpensa con molti voli – si sta concentrando su nuove soluzioni, come lo sviluppo di un modello per la stima del peso zero del carburante (ZFW), la rimozione di carburante extra non necessario grazie alle ottimizzazioni del sistema di pianificazione del volo e l’introduzione di fattori di prestazione più precisi per una previsione più accurata del consumo di carburante. Ulteriori ottimizzazioni operative nella configurazione dei flap sono un altro punto centrale in corso di sviluppo, con Wizz Air attualmente all’avanguardia nel settore nell’uso di flap ridotti per l’atterraggio.

Nel tentativo di migliorare l’efficienza del consumo di carburante, Wizz Air ha introdotto raccomandazioni ai piloti per incoraggiare l’uso di configurazioni ridotte dei flap sia per il decollo che per l’atterraggio e ciò ha dimostrato di favorire notevoli risparmi nel consumo di carburante. Questo perché più bassa è l’impostazione del deflettore durante la salita e la discesa, minore è la resistenza, che si traduce in un minor consumo di carburante. Le statistiche sugli atterraggi a flap ridotti sono promettenti, con un risparmio stimato di 2.000 tonnellate di carburante, eliminando circa 6.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno dall’aria.

In una recente analisi dei dati di volo eseguita da Airbus, Wizz Air è risultata leader del settore in termini di configurazione ridotta dei flap per gli atterraggi rispetto ad altre compagnie aeree. Tenendo conto delle condizioni di volo e dei margini di sicurezza, la riduzione dei flap consente di risparmiare circa 15 kg di carburante per ogni atterraggio. In un anno, ciò significherebbe creare una riduzione di anidride carbonica equivalente alle emissioni di 92.300 automobili in movimento da Milano a Roma.

Accanto alle numerose iniziative di risparmio di carburante, Wizz Air è impegnata a sviluppare la sua flotta con la famiglia di aeromobili Airbus neo all’avanguardia che offre un’efficienza imbattibile del carburante e una grande aerodinamica e sono dotati di Sharklet per ridurre ulteriormente la resistenza alle interferenze dell’ala. Gli aeromobili neo producono il 43% in meno di emissioni sonore e il 50% in meno di emissioni di NOX. L’attuale flotta della compagnia aerea ha un’età media di 5 anni, il che la rende una delle flotte aeree più giovani al mondo. Questo, abbinato ad un network che evita voli di collegamento non necessari e i materiali più leggeri utilizzati in cabina, è ciò che rende le operazioni di Wizz Air così efficienti. Grazie a questa e molte altre iniziative Wizz Air è la compagnia aerea più verde d’Europa.

«Siamo orgogliosi di avere le più basse emissioni di CO2 per passeggero / km tra tutte le compagnie aeree europee e ci impegniamo a ridurre ulteriormente il nostro impatto ambientale» dice Heiko Holm, Chief Operations Officer di Wizz Air ha detto. «Ogni decollo e atterraggio è un’opportunità per risparmiare carburante, ogni fase di volo viene rivista anche per la più piccola ottimizzazione, l’impatto che ha sulle emissioni di carbonio è significativo. Insieme alla nostra flotta moderna e alla massimizzazione del load factor dei passeggeri, stiamo assicurando che Wizz, la compagnia aerea più verde d’Europa, sia la scelta migliore che i passeggeri possano fare quando volano».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore