Otto milioni di euro per sistemare le aree a rischio idrogeologico del Varesotto

Stanziati 138 milioni di euro per i diversi problemi in Lombardia. Tra gli interventi previsti nel Varesotto la sistemazione di alcuni torrenti e della Frana al Sasso del Ferro

cittiglio, laveno mombello, vararo, casere

Oltre 8 milioni di euro per sistemare il territorio varesino a rischio idrogeologico. È quanto ha deciso di destinare Regione Lombardia al Varesotto nell’ambito del programma di interventi di difesa del suolo previsti dal Piano Lombardia e approvati oggi dalla giunta regionale su proposta dell’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni. Un programma del valore di 138 milioni di euro.

CONDIVISIONE CON IL TERRITORIO – «Il Programma consta di 204 interventi selezionati con il supporto degli Utr regionali che hanno garantito il necessario raccordo con le esigenze dei diversi territori e segnalato le necessità di intervenire su quelle situazioni di rischio idrogeologico verificatesi recentemente – ha spiegato Foroni – Sono stati selezionati anche gli interventi proposti dai Comuni già dotati di un livello minimale di progettazione o studio di fattibilità».

Tra il 2021 e 2022 si apriranno quindi 204 nuovi cantieri con le imprese del settore edile chiamate a realizzare opere strutturali per la difesa dei centri abitati e delle infrastrutture primarie e anche interventi di manutenzione straordinaria dei corsi d’acqua e delle opere esistenti.

IL PIANO DEGLI INTERVENTI – Gli interventi in dettaglio con le risorse destinate ad ogni singola provincia: Bergamo 26.180.000; Brescia 26.235.000, Como 5.350.000, Cremona 2.695.000, Lecco 6.520.000, Lodi 3.300.000, Mantova 2.015.000, Milano 18.480.000, Monza e Brianza 3.880.000, Pavia 10.340.000, Sondrio 24.725.000, Varese 8.370.000. Totale 138.090.000 euro

PROVINCIA DI VARESE
Per il nostro territorio sono previste le seguenti opere:
Varese rifacimento arginatura e sistemazione delle briglie esistenti del torrente Vellone nei pressi della via Folgaria, 200.000 euro;
Sesto Calende, arginatura sponda sinistra del torrente Lenza in via Molinaccio, 150.000 euro;
Castelveccana, contenimento del versante in frana della frazione Nasca, 200.000 euro, sistemazione idrogeologica dell’alveo del torrente Froda nel tratto tra le frazioni Nasca e Sarigo, 150.000 euro;
Cittiglio, sistemazione versante destro del torrente San Giulio a monte della località Pianella, 200.000 euro, sistemazione della frana località Sasso del Ferro, a monte della SP 394, della linea ferroviaria e del torrente Boesio, 300.000 euro;
comuni vari, laminazione del torrente Boesio, 2.200.000 euro;
Cittiglio, messa in sicurezza causa crolli in località Casere, 200.000 euro;
Germignaga, potenziamento delle difese spondali torrente Margorabbia sotteso alla frazione Premaggi, 200.000 euro;
Maccagno con Pino e Veddasca, sistemazione idrogeologica bacino torrente Giona, 980.000 euro; comuni vari,
Varese sistemazione bacini del versante sud del monte Campo dei Fiori, 700.000 euro;
Brusimpiano, sistemazione dissesti a seguito degli eventi di giugno 2020, località Riale, 200.000 euro;
Lavena Ponte Tresa, Cadegliano Viconago, Sistemazione dissesti a seguito degli eventi di giugno e agosto 2020 – bacino torrente Tarca, 230.000 euro;
Cadegliano Viconago, sistemazione del Rio Bovo, lotto 1b, 200.000 euro;
Gavirate, sistemazione idraulica fiume Bardello e torrenti Tinella e Boschetti, 210.000 euro;
Cuvio, sistemazione idraulica del torrente Broveda, 300.000 euro;
Cuveglio, sistemazione idraulica del torrente San Gottardo, 300.000 euro;
Portovaltravaglia, Sistemazione idrogeologica dei dissesti nelle frazioni Camino e Roccolo a seguito degli eventi temporaleschi di agosto 2020, 200.000 euro;
Maccagno con Pino e Veddasca, sistemazione idrogeologica del bacino del torrente Giona – 2° lotto, 650.000 euro;
Marchirolo, Cugliate Fabiasco, Manutenzione straordinaria e completamento della regimazione idraulica del torrente Valmartina 600.000 euro.

«Il Piano Lombardia – spiega Emanuele Monti, consigliere leghista al Pirellone, – è un’opportunità storica per i nostri territori, siccome saranno finanziati una serie di interventi a tutto campo.  Per il territorio varesino stiamo parlando di risorse importantissime e che erano richieste dagli Enti Locali da parecchio tempo. Saranno finanziati 20 interventi per un totale di più di 8 milioni di euro. Non fondi a pioggia, come qualcuno vuol far credere, ma contributi mirati che fanno seguito a numerosi incontri con amministratori locali e attività produttive. In questo Piano emerge tutta la concretezza della Lombardia, risorse vere per la ripartenza del tessuto economico-produttivo e per la tutela della sicurezza dei nostri cittadini».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore