Tra santi e morti: percorsi per le ricorrenze tradizionali “ad arte”

Per celebrare Ognissanti Archeologistics propone tre speciali percorsi per grandi e piccini il 31 ottobre e l'1 novembre tra Sacro Monte e Castelseprio

Il Sacro Monte visto dall'alto

Tra interno ed esterno Archeologistics propone a grandi e piccini tre percorsi d’arte, sempre in piccolissimi gruppi, per festeggiare nella cornice d’eccezione del Sacro Monte e di antichissimi affreschi a Castelseprio  la tradizione delle prossime ricorrenze, tra storie di santi (e di morti) raccontate dall’arte e tutte da scoprire.
“La tradizione artistica utilizza le figure dei santi in numerosi contesti, sia con intento di catechesi che come espressione della devozione popolare – spiegano i promotori – con un’implicita richiesta di aiuto rivolta a Dio attraverso i Santi, cui si domanda la fine di una pestilenza l’aiuto in un momento di pericolo o di malattia”.
Di seguito il programma

Varese, sabato 31 ottobre, ore 15
UN SANTO PER TUTTI
Piazzetta Monastero, Cripta e 14^ cappella – per bambini –
L’idea è festeggiare la ricorrenza di Ognissanti con una visita guidata per bambini dedicata all’iconografia dei santi partendo dalla 14^ cappella del viale del Rosario. Il percorso prosegue poi in Cripta dove figurano diverse rappresentazioni di santi e sante: ne scopriremo le storie, il martirio e la vita attraverso lo stile e l’opera di artisti di vari periodi ed epoche.

Generica 2020

Varese, domenica 1 novembre, visite ogni trenta minuti dalle 10 alle 18
STORIE DEI SANTI – vite, immagini e martirii sulle mura più antiche del Monte
Cripta del Santuario, piazzetta Monastero – per adulti –
Dal santo patrono di Milano, Ambrogio, alla protettrice dei dentisti, Apollonia: negli antichi affreschi della Cripta del Sacro Monte di Varese, compaiono le immagini di santi e sante dalle vite ammirevoli quanto difficili. La visita guidata dedicata alla festa di Ognissanti ne illustrerà l’iconografia, i simboli del martirio, le vite secondo le fonti storiografiche disponibili.
La visita sarà anche l’occasione per conoscere i secoli di storia raccontati dalle mura della Cripta, il più antico edificio sacro del Sacro Monte databile al IX secolo d.C.

Castelseprio, domenica 1 novembre, ore 9.45 e 11.45
LA BUONA NOVELLA 
Chiesa S. Maria Foris Portas in via Castelvecchio 1513 – per tutti –

Generica 2020

L’infanzia di Cristo attraverso il ciclo di affreschi conservato nella chiesa di S.Maria foris portas, esempio unico europeo di tale qualità artistica datato al IX- X secolo. Oltre alle figure della Sacra famiglia il ciclo presenta i Santi Simeone ed Elisabetta, ma anche quella della profetessa Anna e dei re magi d’oriente che giungono per adorare il bambino.
Un racconto per immagini che merita di essere visto e che è giunto fortunosamente sino a noi, dipinto sui muri dell’abside maggiore di una chiesa che, negli ultimi anni della sua vita, diventò deposito per attrezzi e riparo per chi lavorava i boschi circostanti.
Dopo la scoperta delle immagini alla metà del ‘900, l’interesse e gli studi non sono mai venuti meno, consegnando al futuro una ricca messe di analisi e datazioni utili ad una dettagliata ricostruzione della storia dell’edificio.
La chiesa si trova all’interno di una bella area boschiva ricca di castagni e nocciole, ad accesso libero, per chi volesse passeggiare al termine della visita guidata.

Per tutti gli appuntamenti la prenotazione è obbligatoria a questo link per via dei posti limitati, in ossequio alle normative di contenimento della pandemia da Covid 19.
Parte dei percorsi si svolgono all’aperto e proseguono con la visita degli spazi interni in sottogruppi di 4-5 persone max.
L’appuntamento del 31 ottobre per bambini sostituisce quello precedentemente previsto al Museo Baroffio, che è interessato da alcuni interventi di manutenzione ordinaria non ancora conclusi.
Per maggiori informazioni 328 8377206.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore