“Spettacolo spettacolare”, pillole video per dare la carica e aiutare la lotta alla Sla

Da qualche settimana sui social spopolano le storie sportive in un minuto di Andrea Arnaboldi, 40enne di Galliate Lombardo: un progetto nato per onorare la memoria di un amico che non c’è più

Generica 2020

“Spettacolo spettacolare!”. Sono in moltissimi che da qualche giorno a questa parte cominciano le proprie giornate con questo urlo, scandito dallo schermo del cellulare o del pc da un (ex) ragazzo che parte così, per raccontare poi una storia di sport ricca di significato, diversa ogni giorno, con protagonisti che arrivano dal mondo del tennis, del calcio, dell’atletica.

La voce e il volto che compaiono all’improvviso ogni mattina sono di Andrea Arnaboldi, 40enne di Galliate Lombardo, sportivo da sempre che di lavoro fa quello che tanti suoi colleghi chiamano mental coach, definizione che a lui non garba perchè per lui questo concetto va oltre, tanto che si definisce “ispiratore”.

I video della mattina, registrati rigorosamente in auto, in primo piano e della durata di un minuto, stanno facendo il giro dei social. Sono video ispirazionali, certo, con un sottofondo sportivo, ma hanno anche un fine più nobile che è legato alla storia di Andrea e a quella di un suo amico, Luca Dalla Bona, portato via dalla Sla lo scorso 2018 dopo due anni di lotta e sofferenza (con lui nella foto di copertina). A lui, a sua moglie Maura e ai loro due bambini è dedicato il progetto multiforme che Andrea sta portando avanti, fatto di maratone in giro per l’Italia, i video sui social ed eventi, sperando che il Covid permetta di dare una mano concreta ad Aisla, l’associazione italiana che si batte in prima linea per raccogliere fondi e destinarli alla ricerca.

«Con Luca eravamo amici, negli ultimi due anni abbiamo parlato tanto, è lui che mi ha detto “fai in modo che tutto questo possa essere utile agli altri” – spiega Arnaboldi -. Io ci provo, andando in giro a raccontare, a confrontarmi, a spiegare che i sogni non devono essere dimenticati, che bisogna perseguire gli obiettivi e che il viaggio che serve per arrivare a compiere i nostri sogni ci deve far crescere e migliorare». Per farlo, per raccogliere fondi in favore dell’Aisla, Andrea aveva progettato un giro d’Italia fatto di 42 maratone in 60 giorni, tutto bloccato dal Covid, o quasi: «Non mi sono arreso, ci mancherebbe. Di maratone ne ho fatte 18 in 29 giorni, a Bodio abbiamo fatto un grande evento dedicato a Luca e ho in mente una serie di altre cose per il 2021 e per il 2022. Non bisogna mai smettere di sognare».

Sedici maratone in quattro settimane, una sfida in memoria di Luca

Tornando ai messaggi social che spopolano tra gli utenti di Facebook, Instagram e anche tra i giovanissimi su Tik Tok (grazie al team che lo segue composto da Andrea D’Elia, Simone Crespi, Massimo Scodellaro, Andrea Dragoni e Debora Spalenza), ecco come Andrea Arnaboldi spiega il messaggio iniziale, quello “Spettacolo Spettacolare!” urlato a gran voce: «E nato giocando con dei bambini ad una festa di compleanno, ho visto che resta loro in testa e mi sono detto “se piace ai bambini, va bene”. Così ho deciso di dare il via a questi video così, con un urlo liberatorio che poi prosegue con il racconto di storie che danno un messaggio forte, di resistenza, di lotta, di sudore, di fatica – spiega -. Presto farò anche dei video mentre corro, perchè io predico bene, ma razzolo benissimo e metto in pratica quello che racconto, sulla mia pelle, sognando e mettendomi costantemente alla prova. Me lo ha chiesto Luca, lo faccio per lui, per Maura, per i ragazzi che rappresentano il nostro futuro e per tutte le persone che lottano contro la Sla. Credo in questo progetto e vado avanti finché non si realizzerà nel suo complesso. Ho scritto e sentito parecchi amici che hanno condiviso i miei video. La soddisfazione più grande? Sapere che un ragazzino di 13 anni ha usato uno dei messaggi che ho diffuso per cambiare il proprio profilo social. Sognare non è il fine, è il mezzo per compiere il viaggio. È il viaggio che conta».

GUARDA I VIDEO DI ANDREA SU FACEBOOK O INSTAGRAM

Chi volesse donare
c/c intestato ad “AISLA Onlus – Continua a Sognare
IBAN IT 48 E 03062 34210 000002081319
causale: CONTINUA A SOGNARE

di tommaso.guidotti@varesenews.it
Pubblicato il 21 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore