Statale del Lago, il cantiere tra Luino e Maccagno ripartirà “ma va potenziato”

Il sindaco Passera, “il rischio è di rimanere in questa situazione anche la prossima estate”

varie

Il sito di Anas ha ancora “nero su bianco” una data che l’anno scorso proprio in questo periodo suonava come lontanissima per la fine dei lavori sulla statale del lago, con gli incontri pubblici, le riunioni tecniche e lo sforzo delle amministrazioni per organizzare il passaggio in deroga dei mezzi pesanti utili per non far appassire le attività economiche della zona.

Invece quella data era più vicina di quanto si pensasse ed ora è arrivata. È il 21 ottobre, e il cantiere sulla strada 394 del Verbano orientale è ancora lì: è passato Natale, è arrivato il Covid e poi l’estate e il problema degli interventi per il bypass fognario che oltre a un mare di polemiche, consentiranno al cantiere sulla strada di ripartire.

Il sito di Anas parla sempre di quel 38.01% di avanzamento dei lavori che da mesi siamo abituati a leggere.

E nell’attesa di conoscere dall’azienda il preciso cronoprogramma ritoccato verso un differimento che appare più che scontato, rimangono le preoccupazioni da parte degli amministratori locali, in particolare Fabio Passera, sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, comune sul quale insiste parte del cantiere, che guarda con apprensione l’esecuzione dei lavori.

«Mi sono informato e risultano ad oggi operai ancora al lavoro sulla conduttura fognaria e per settimana prossima verrà realizzato il bypass. Se tutto va bene il cantiere riprenderà tra qualche settimana ed è evidente che i tempi di completamento dell’opera si allungheranno», spiega il sindaco.

«Ma il punto vero è un altro: questo problema del bypass ha portato via molto tempo, ma se non si decide di raddoppiare il cantiere, il rischio reale è che l’anno prossimo, d’estate, saremo ancora alle prese con questi lavori».

Il cantiere, una volta ripartito, si sposterà verso Luino per l’esecuzione dei lotti successivi.

di
Pubblicato il 20 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore