Sulla Via Francisca: l’arrivo a Pavia del sindaco-pellegrino Luciano Puggioni

Partito a settembre, Puggioni ha diviso il cammino in due tranche e dopo aver percorso un totale di 135 chilometri è finalmente arrivato a Pavia

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni

Pavia: un grande snodo per i pellegrini e tappa finale di diversi cammini, tra questi la Via Francisca del Lucomagno.

Galleria fotografica

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni 4 di 28

Puggioni e il suo compagno di viaggio hanno camminato per giorni prima di arrivare a destinazione e completare l’intero percorso.

“L’emozione si fa sentire, la stanchezza anche ma ne è sicuramente valsa la pena”, confida il sindaco.

La partenza da Morimondo segna l’inizio dell’ultima parte del suo cammino. Dopo un visita all’interno dell’abbazia cistercense è tempo di rimettersi in marcia.

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni

L’abbazia di Morimondo

“Sul percorso, Roberto ed io veniamo incuriositi dalla frazione di Fallavecchia e decidiamo di fare una deviazione per concederci una visita al piccolo borgo rurale di origini longobarde dove il tempo sembra essersi fermato”.

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni

Frazione di Fallavecchia

“All’interno delle mura che cingono la frazione troviamo la classica trattoria dove si possono gustare i piatti tradizionali del Pavese e della cucina Lombarda e un piccolo negozio di alimentari. Cosa incantevole è la piazza con il monumento, una stalla e la chiesa. Essendo costretto da un paio d’anni a subire l’odore di bitume che avvolge Bardello, sentire quello naturale di stalla è stata una botta di vita” racconta Puggioni.

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni

La piazza

Il cammino prosegue in direzione Bereguardo, qui i due pellegrini trascorrono la pausa pranzo e recuperano le energie necessarie per poi riprendere la marcia verso Pavia.

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni

Il Naviglio di Bereguardo

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni

Sulla pista ciclopedonale del Ticino

“Finalmente, dopo alcuni chilometri, ecco che ci appare il famoso ponte coperto. Ci sistemiamo all’ostello Santa Maria in Betlem, ben strutturato e accogliente, dove passiamo la notte. Dopo un buon sonno ristoratore, il giorno dopo è d’obbligo una visita a Pavia, città ricca di storia, punti di interesse e natura da esplorare”.

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni

Esplorando Pavia

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni

Il ritiro del Testimonium

INFORMAZIONI SULL’INTERO PERCORSO

“A causa di impegni istituzionali ho dovuto unire tra loro più tappe, è stata veramente dura – confessa il sindaco. Consiglio ai futuri pellegrini di attenersi al percorso tracciato dalla guida, più consono e adatto anche a chi non è molto allenato“.

di
Pubblicato il 22 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Diario di Viaggio: l'arrivo a Pavia (meta conclusiva della Francisca) di Puggioni 4 di 28

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore