“Il tampone e la favola del referto entro le 23”

"Vi scrivo per raccontarvi brevemente quanto succede in questo momento se hai un figlio che va a scuola e deve fare il tampone", comincia così la lettera di Sandro

in coda fuori dall'ambulatorio tamponi

Buongiorno,
vi scrivo per raccontarvi brevemente quanto succede in questo momento se hai un figlio che va a scuola e devi fare il tampone. La favola del risultato entro le 23:00

Ieri mattina il mio medico ha chiesto di fare un tampone a mio figlio per presenza di alcuni sintomi. Mi registro sul portale ats-insubria come richiesto e mi viene rilasciato un codice di prenotazione. Andiamo all’ospedale di Circolo: a parte la quasi totale assenza di informazioni per capire dove andare, alla fine chiedendo al personale (gentilissimo e disponibilissimo) siamo arrivati all’accesso di viale Borri. Presente una fila creata all’interno del CUP, la persona di guardia (credo guardia giurata, non saprei), oltre a prenderci la febbre e a non guardare il risultato (mio figlio aveva 38 di febbre ieri mattina), a domanda “abbiamo una prenotazione e c’è scritto che saremo chiamati dall’accettazione” la risposta è stata “non serve a niente, tutti hanno prenotato, si metta in coda”
Va bene, dopo un’oretta circa di coda che si muove abbastanza agevolmente, la gente comincia ad aumentare e alcune persone restano all’aperto sotto la pioggia.
Risultato: scorrete.. avvicinatevi.. la gente fuori è sotto l’acqua. Va bene, compattiamo la coda alla faccia del distanziamento sociale. Statisticamente almeno 9 persone dei presenti probabilmente avrà il Covid e ci dicono di avvicinarci tra noi. Speriamo in bene…

Fatto tampone, andiamo a casa.

Ci sono cartelli che spiegano che registrandosi ed essendo scolari, entro le 23 i risultati verranno spediti per e-mail
Ovviamente per le 23 non si è visto nulla. Stamattina (sabato) ancora nessuna mail. Cerco un numero di telefono da chiamare e trovo su un link di asst-settelaghi.it questa frase :

L’esito dell’analisi sarà caricato entro le ore 23.00 dello stesso giorno sul Fascicolo Sanitario Elettronico e lì sarà immediatamente consultabile dai genitori e dal Medico di Medicina Generale e dal Pediatra di Libera Scelta.

Ok, avrò capito male (non è così), vado nel link del fascicolo sanitario e trovo un link diretto ai risultati del test. Finalmente qualcosa fatto bene. Chiede Codice Fiscale, ultime cifre della tessera sanitaria e numero di telefono. Provo con il codice fiscale di mio figlio.. errore con l’avvertimento che ho massimo 3 tentativi. Non so bene cosa possa succedere dopo 3 tentativi perché non sto usando una password per cui cosa faranno? Disabilitano la tessera sanitaria ? Non lo voglio sapere.

Uso i miei dati, magari essendo genitore i risultati di mio figlio sono lì. Con i miei estremi riesco ad accedere. Risultato : Attualmente non risultano referti relativi a esami per il COVID-19

Fantastico! Esisterà un numero da chiamare? Trovato sempre sullo stesso link di prima.
Chiamo.. spiego e mi viene risposto.. arriveranno entro 24/48 ore, magari 72 ore, ma lo sappiamo dall’utenza. Non abbiamo nessun numero da chiamare per informarci

Ora mi chiedo.. non basterebbe scrivere sui cartelli “risultati entro massimo 72 ore accedendo a questo link ?”
Perché illudere e far perdere tempo alle persone ?
Non hanno abbastanza toner per le stampanti per rifare i cartelli ?

Saluti
Sandro Abramo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore