“Ci sentiamo dopo”: una lezione speciale per gli studenti del Manzoni e del Rosetum

Gli istituti scolastici di Varese e Besozzo coinvolti in un progetto nazionale sui temi dell’ascolto responsabile e della prevenzione dei disturbi uditivi

Generica 2020

Tappa a Milano, Vigevano (PV), Codogno (LO), Brescia e Varese per il roadshow nazionale “Ci Sentiamo Dopo”, promosso da Amplifon per diffondere una nuova cultura dell’ascolto consapevole direttamente sul territorio, a partire dai più giovani.

Protagonisti dell’incontro, che si è tenuto il 23 novembre in formato digitale – sono stati oltre 200 studenti tra l’Istituto Tecnico Feltrinelli di Milano, il Liceo Classico “Benedetto Cairoli” di Vigevano (PV), il Liceo Scientifico “Novello” di Codogno (LO), il Liceo Musicale “Manzoni” di Varese, il Liceo Scientifico “Istituto Rosetum” di Besozzo (VA), l’Istituto Tecnico “Piero Della Francesca” di Melegnano (MI), l’Istituto Tecnico “Piero della Francesca” di San Donato Milanese (MI) e il Liceo Scientifico “Nicolò Copernico” di Brescia.

L’appuntamento è stato dedicato ad un workshop formativo sui temi dell’ascolto responsabile e della prevenzione dei disturbi uditivi, una patologia che in Italia riguarda oltre 7 milioni di persone – ovvero, circa il 12% della popolazione, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – e che vede, ancora oggi, un basso tasso di sensibilità da parte della popolazione: solo il 31% degli italiani ha, infatti, effettuato un controllo dell’udito negli ultimi cinque anni, mentre il 54% non lo hai mai svolto (fonte: Ministero della Salute). I disturbi dell’udito, inoltre, impattano da vicino anche gli aspetti relazionali – sia nella vita famigliare sia nell’ambito lavorativo – con il 39,3% delle persone affette che dimostrano maggiore insicurezza nella socialità, secondo rilevazioni Censis.

Un elemento significativo, che rende fondamentale coinvolgere le giovani generazioni per sensibilizzarle – in maniera diretta ed anticonvenzionale – verso comportamenti virtuosi per la prevenzione efficace dei disturbi ipoacusici e delle situazioni di isolamento sociale ad essi correlati: con questo spirito, l’appuntamento ha visto il contributo speciale de LaFil – Filarmonica di Milano, un’orchestra in cui generazioni diverse di artisti si incontrano e si riconoscono in un progetto innovativo di diffusione della musica. Alcuni musicisti de LaFil, in collegamento web, hanno presentato ai giovani studenti un percorso di approfondimento sul “buon ascolto” della musica dal ‘700 a oggi.

Avviato nel 2019, il progetto “Ci Sentiamo Dopo” si pone l’obiettivo di rendere i giovani italiani veri e propri ambasciatori di una nuova ecologia acustica, grazie anche al supporto continuativo del sito www.cisentiamodopo.it e al coinvolgimento degli istituti scolastici partecipanti nei meccanismi di gamification della APP “Ci Sentiamo Dopo”.

Il roadshow nelle scuole secondarie di primo e secondo grado italiane, iniziato a Genova lo scorso 12 febbraio, si concluderà entro dicembre – grazie al nuovo format digitale – con tappe regionali in Campania, Puglia, Lombardia, Sicilia e Piemonte.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.