Infermieri e OSS del Pronto soccorso di Varese scrivono una lettera di denuncia al Presidente Fontana

“ Noi ci siamo sempre stati, indipendentemente dal suo appello". Il personale sanitario denuncia le mancanze della politica dei mesi scorsi

sala operatoria covid pronto soccorso varese

Il personale sanitario, infermieri e OSS, del pronto soccorso di Varese scrivono al Presidente della Regione Fontana


Alla cortese attenzione
Presidente Regione Lombardia Avv. ATTILIO FONTANA

Signor Presidente,
siamo gli infermieri e gli operatori socio sanitari (OSS) del Pronto Soccorso della “sua” Varese.

Abbiamo letto con smarrimento le sue affermazioni profondamente stridenti con la realtà che viviamo tutti i giorni e maggiormente in questo periodo di emergenza pandemica.

Una simile lettera poteva essere l’esortazione
ad affrontare la prima inattesa pandemia. Alla “seconda ondata” avremmo voluto trovare una sanità riorganizzata e preparata. Ci saremmo aspettati che il numero di operatori sanitari, già in carenza cronica, fosse tempestivamente adeguato e formato; che i posti letto fossero incrementati per far fronte all’emergenza, ma anche per consentire la prosecuzione delle “normali” attività; e che i lavori strutturali necessari alla tutela degli utenti e degli operatori fossero preventivamente ultimati.

Siamo invece a rappresentarLe come gli operatori sanitari siano oggi, in piena emergenza, in fase di assunzione e formazione e, nonostante ciò, non riescano ad essere in numero adeguato essendo perciò costretti ad effettuare turni da 12 ore lavorative oltre che a saltare giorni di riposo.

A complicare ulteriormente la situazione la richiesta da parte di Regione Lombardia di infermieri e medici da inviare presso l’ospedale di Milano Fiera… già perché in questi mesi non si è pensato ad assumere e formare personale per attivare questo servizio.

Probabilmente non sarà una sorpresa per Lei sapere che i posti letto prima dell’attuale emergenza fossero addirittura diminuiti e che le opere necessarie ad affrontare la pandemia garantendo spazi accettabili, anche se probabilmente non idonei, sono attualmente in corso. Per questo stona sentirLe
dire “abbiamo lavorato insieme per fronteggiare l’emergenza e per alleviare le vostre difficoltà…”.

L’organizzazione della Sanità Lombarda non può basarsi solo sulla abnegazione di medici infermieri ed OSS.
Non crede sia giunto il momento che la politica si assuma le sue responsabilità garantendo una sanità pubblica sicura ed efficiente per cittadini ed operatori? Siano i fatti a dare valore e dignità alla politica e non le parole rubate a papa Francesco.

Comunque La rassicuriamo, in “questa lotta” noi ci siamo sempre stati e sempre ci saremo, indipendentemente dal Suo appello.

Buon lavoro
gli Infermieri e gli Operatori Socio Sanitari PRONTO SOCCORSO ASST dei SETTELAGHI VARESE

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bianca Tramontin
    Scritto da Bianca Tramontin

    Tutta la mia solidarietà agli operatori socio sanitari del Pronto Soccorso!

  2. Teresa Argenziano
    Scritto da Teresa Argenziano

    Piena solidarietà

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.