Sfiorano quota 100 i casi di contagio a Bisuschio. Il sindaco: “Dati allarmanti”

Il sindaco Giovanni Resteghini scrive ai suoi concittadini: "Soprattutto di fronte a questi dati scoraggianti ogni piccolo gesto di rispetto per gli altri si trasforma in un’arma potente di guerra al virus"

bisuschio

Il sindaco di Bisuschio ha scritto questa mattina un lungo messaggio ai suoi concittadini per aggiornarli sulla situazione dell’epidemia in paese, dove i contagi sfiorano ormai quota 100, ma anche per invitare tutti ad essere responsabili e attenti.

«I dati che giungono da Ats Insubria sono sempre più allarmanti – scrive Giovanni Resteghini – A Bisuschio alla data di oggi ci sarebbero non meno di 98 persone positive. Vero è che molti sono a casa asintomatici o paucisintomatici cioè con nessun disturbo o con pochi sintomi. È però anche vero che alcuni altri si trovano in ospedale, sottoposti a terapie severe e in situazioni personali pesanti, isolate dal mondo e con difficoltà persino a contattare parenti e amici. Le situazioni degli ospedali stessi non sono delle migliori. I posti disponibili sono sempre meno numerosi e i trasferimenti da provincia a provincia o addirittura fuori regione si moltiplicano. Molte persone sofferenti e in attesa di interventi importanti vedono rinviati questi interventi a tempi futuri e incerti. Le prospettive quindi in campo ospedaliero non sono buone».

Resteghini invita tutti i cittadini al rispetto delle regole nei rapporti sociali: «Soprattutto di fronte a questi dati scoraggianti ogni piccolo gesto di rispetto per gli altri si trasforma in un’arma potente di guerra al virus. La solidarietà oggi si esprime con l’aiuto che viene offerto agli altri dai volontari organizzati ma anche da quelli che aiutano amici e parenti in difficoltà perché isolati a causa della malattia. Importante è aiutare ma evitando il contatto fisico con gli altri, è brutto dirlo ma è così. Se porto qualcosa a qualcuno lo lascio davanti alla porta e non entro in casa per nessun motivo. Torneranno i tempi in cui potremo abbracciarci ma ora è il tempo di isolare il virus. Usciamo il meno possibile, portiamo la mascherina, insistiamo con l’igiene personale soprattutto delle mani e del viso, parliamo con gli altri attraverso i mezzi di comunicazione e manteniamo comunque sempre la distanza interpersonale».

Il Comune e il volontariato attivo in paese stanno lavorando per fronteggiare la situazione: «Il Comune è in prima linea: grazie alla buona volontà di molti vengono consegnati farmaci e spese alle famiglie completamente isolate per la quarantena. Croce Rossa e Protezione Civile sono sempre a disposizione così come la farmacia e i negozi di alimentari, gli altri commercianti, i baristi e i ristoratori e molti altri ancora. Pensiamo a chi si occupa di servizi alla persona, agli impiegati degli uffici e ai lavoratori di industria e artigianato e dei lavori pubblici, a chi si occupa della raccolta dei rifiuti e delle pulizie come quelle stradali. A questo proposito sono a conoscenza del fatto che la Pro Loco di Bisuschio sta per lanciare una iniziativa a favore del mondo bisuschiese commerciale, produttivo e dei servizi: questa iniziativa trova il pieno consenso e l’appoggio della nostra Amministrazione comunale. È il momento (un momento che dura da molto e chissà ancora quanto potrà durare) di dimostrare quanto siamo civili e, soprattutto, quanto siamo umani! Il nostro pensiero va naturalmente a tutte e tutti voi, in particolare a chi sta soffrendo, a chi è in ospedale, a chi è in difficoltà per la propria salute, per il lavoro e lo studio, per i propri familiari e amici. Siamo con voi!».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.