Varese News

“Diventa uno scappato di casa”, il Parallelo di Castellanza lancia una raccolta fondi

Il laboratorio sociale che dà lavoro ai migranti ha lanciato una raccolta fondi dopo che il lockdown ha messo in ginocchio l'impresa

Sta già volando il crowdfunding de Il Parallelo, lavoratorio di artigianato, recupero e di creatività che dà lavoro a 10 persone tra cui 4 richiedenti asilo perfettamente inseriti nello staff.

«Nel 2019 abbiamo sconfitto il virus dell’intolleranza, abbiamo costruito un nuovo modello di impresa sociale virtuosa. Il 2020 doveva essere l’anno del rilancio – spiega Andrea, socio di questa preziosa realtà che ha ridato vita ad un immobile confiscato alla mafia – è in parte lo è stato. Non ci siamo arresi e siamo andati avanti a creare, coinvolgendo nuove persone, perchè crediamo che è dalla crisi che possono uscire le idee migliori. Non possiamo però dire che il lockdown non ci abbia messo in difficoltà: per quasi tre mesi siamo rimasti chiusi, ci ha messo in ginocchio abbiamo perso fatturato, non abbiamo potuto fornire servizi e anche i rapporti con i fornitori si sono fermati. Per questo abbiamo lanciato una raccolta fondi, in modo da  recuperare questi costi e ripartire con ancora maggiore entusiasmo».

L’obiettivo minimo preposto è di 5mila euro e in pochi giorni la cifra è stata quasi raggiunta: «Chi aderisce al crowdfunding diventa uno “scappato di casa” con tanto di riconoscimento – spiega Andrea – perchè aderisce a un progetto che più persone sostengono più cresce e crea valore aiutando chi è più fragile nell’inserimento lavorativo. E’ possibile farlo anche vendo a trovarci nel laboratorio e sostenendo i nostri prodotti»

QUI PER IL CROWDFUNDING

Valeria Arini
valeria.arini@legnanonews.com
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.