Galimberti: “A Varese nevicata straordinaria, abbiamo fatto il possibile”

A poche ore dall'abbondante nevicata che è caduta sulla città di Varese, il sindaco e l'amministrazione comunale hanno indetto una conferenza stampa online per fare il punto della situazione

La neve a Varese, da piazza Monte Grappa al Sacro Monte

«Quella di ieri è stata una situazione straordinaria, abbiamo messo in campo tutto le energie possibili in questa situazione». A poche ore dall’abbondante nevicata che è caduta sulla città di Varese, il sindaco e l’amministrazione comunale hanno indetto una conferenza stampa online per fare il punto della situazione. «Sappiamo delle difficoltà a cui sono andati incontro i cittadini e quelle che si protraggono ancora oggi per alcuni di loro, possiamo certamente migliorare, ma l’amministrazione ieri non è stata assente».

Dieci ore di neve ininterrotta, ad alta intensità, hanno messo in difficoltà tutto il Varesotto, compreso il centro città e i suoi quartieri. «È stata la nevicata, in termini di intensità, più abbondante degli ultimi trent’anni. Sono caduti circa 30 cm di neve, dalla notte al tardo pomeriggio del giorno dopo», sottolinea il sindaco Davide Galimberti. «Abbiamo costantemente monitorato la situazione, le segnalazioni dei cittadini sui social sono state utili per intervenire tempestivamente. Non nascondiamo le difficoltà che ci sono state, ma ci tengo a sottolineare che la città non è stata paralizzata, come invece è avvenuto sulle arterie provinciali, in autostrada o sui treni. A creare maggiori problemi la presenza di mezzi pesanti, mentre segnalo che ci sono stati solo tre tamponamenti».

La macchina organizzativa del comune, insomma, ha risposto con tutti i suoi mezzi. Le precipitazioni erano si previste da giorni, ma l’intensità della neve è stata superiore a quando ci si aspettasse: «Ha iniziato a piovere solo in serata, questo a significato accumuli di neve maggiori – spiega il professor Paolo Valina del Centro Geofisico Prealpino -. Nevicate di questo tipo erano comuni fino alla fine degli anni ’70, poi è cambiata la nevosità a causa del cambiamento climatico. Prendiamo ad esempio l’ultimo ventennio, ci sono state 520 nevicate in totale, per trovarne una simile a quella di ieri dobbiamo tornare a quella del 25 febbraio del 2013, poi quella del 2006 (quando caddero 64 cm nelle 24 ore) e del 2009. Ieri sono caduti 27 centimetri nel centro città, 78 al Campo dei Fiori». Nevicate come quella di ieri, potrebbero tornare ed è bene attrezzarsi.

L’assessore ai Lavori Pubblici, Andrea Civati, sottolinea: «I mezzi spazzaneve hanno percorso circa 150 chilometri ognuno. Lo sappiamo perchè sono rintracciabili tramite Gps. Quando inizia a nevicare la città viene divisa in tre zone, Nord, Sud Est e Sud Ovest, all’interno della quale si muovono le tre ditte incaricate». Continua: «Per ciascuna zona l’amministrazione indica degli itinerari di viabilità principale e secondaria, così come i marciapiedi da pulire e lo zone dove spargere il sale. Tutto questo è stato fatto anche ieri, ma la caduta costante della neve hanno limitato la capacità di spazzar via la neve in modo puntuale».

Ad intervenire, durante le conferenza stampa, sono state poi le ditte Fontana e Crivelli (la Saimp non era presente) che hanno spiegato come il lavoro, alle volte, venga reso difficoltoso anche da automobili parcheggiate in strada o alberi di privati caduti. Prima di chiudere l’incontro online, il sindaco ha voluto ringraziare la Protezione Civile e tutti i suoi volontari che sono intervenuti per aiutare i cittadini che si sono trovati in situazioni di emergenza.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dio Nettuno

    Leggere le scuse e le giustificazioni di chi palesemente non è stato in grado di gestire la situazione, li fa risultare ancor più ridicoli. Un esempio su tutti, questa mattina (non ieri durante le difficoltà) alle 10 il capolinea (già di per sè inidoneo e pericolosissimo) dei bus davanti a confartigianato, aveva ancora tutti i 30 cm di neve a terra e sui marciapiedi dove i passeggeri attendono gli autobus. Ieri, stanotte e stamattina gli spazzaneve non sono riusciti a passare? In centro? Dai, se poi volete credere alle balle del sindaco questo è un altro discorso, ma la palese incapacità a gestire la neve (siamo a Varese, non ai caraibi) è sotto gli occhi di tutti. C’è solo da augurarsi che la primavera, oltre che la neve, si porti via questa amministrazione inidonea.

    1. Roberto Muscas
      Scritto da Roberto Muscas

      Condivido appieno ogni considerazione espressa sulla catastrofica gestione di un evento ordinario spacciato per eccezionale.

  2. Scritto da Giovy Milano

    Incredibile la faccia tosta del sindaco e dell’amministrazione, campioni di mistificazione della realtà interessati alla sola ottusa propaganda ! I cittadini, che ieri sono stati ore in coda in viale Borri o su altre arterie cittadine in condizioni peggiori di strade di campagna, oggi non hanno a disposizione conferenze stampa online, ma non mancheranno di certificare la loro opinione su questi irresponsabili delle istituzioni cittadine al momento della massima espressione della democrazia. Quel giorno forse il sindaco si ricorderà della giornata di ieri ” gestita meglio che altrove”. Incredibile !

  3. Scritto da mike

    Il sindaco e la sua amministrazione comunale hanno perso un’occasione unica per…fare silenzio! Ci sarebbe solo da ridere, se non fosse per gli assurdi e gravi disagi che una nevicata normalissima ha creato alla popolazione. Sono pienamente d’accordo con @Dio Nettuno e @Giovy Milano: hanno esternato perfettamente il sentimento della popolazione varesina. Per inciso, avendo qualche “mese” sulle spalle, volevo solo menzionare la storica nevicata del 1985 con oltre 1 metro di neve in città: nonostante la VERA eccezionalità dell’evento non ricordo situazioni da day after come quella di venerdi!

  4. Scritto da varesino65

    bah che dire…… straordinaria ? forse si, inaspettata ? decisamente NO !! erano giorni che la prendevano, e anzi ne prevedevano pure di più le previsioni, quindi signor sindaco non dica che le previsioni se ne aspettano di meno…. spazzaneve ? sale ? mezzi? zero!! nella mia via secondaria in un quartiere di varese , Biumo, non si e’ visto un granello di sale in 48 ore, e’ passato un trattoorino della barbie con su un operatore che non sapeva nemmeno usare la pala spazzaneve. dopo 24 ore da fine nevicata ancora avevamo la strada bianca ricoperta di neve . il comune diciamo che ha tappato alla grande, altro che straordinaria nevicata !

  5. Scritto da AlfredoColombo

    Adesso dieci centimetri di neve sono una nevicata straorinaria? Ma suvvia…

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.