Gli auguri di Ats (e Regione) ai medici lombardi: “Ridateci i soldi”

Alcuni medici lombardi hanno ricevuto nei giorni di Natale una lettera da Ats che li intima a restituire cifre da migliaia di euro per aver prestato servizio di Guardia Medica dal 2007 al 2019

cartello guardia medica

Il direttore di Ats Insubria Lucas Maria Gutierrez ha trovato un modo poco carino per augurare buon Natale ai medici del territorio, inviando il giorno della vigilia di Natale una lettera in cui chiede la restituzione di somme consistenti ad Ats per aver percepito un euro in più all’ora negli ultimi 13 anni nelle retribuzioni per il servizio di guardia medica. L’oggetto della lettera è scritto in burocratese: azione di ripetizione indebito ai sensi dell’art. 2033 c.c., costituzione in mora ed interruzione della prescrizione ai sensi e per gli effetti degli artt. 1219 e 2943 del Codice Civile.

In buona sostanza la Procura della Corte dei Conti per la Regione Lombardia, a seguito di indagine svolta dalla Guardia di Finanza finalizzata ad accertare la regolarità del riconoscimento della maggiorazione del compenso orario pari a € 1,00/ora lordo per attività di continuità assistenziale nel periodo 2007-2019, ha rilevato il profilo di nullità.

In poche parole i medici lombardi che hanno effettuato il servizio di guardia medica durante tutto quel periodo dovranno restituire un euro per ogni ora di lavoro svolta negli ultimi 13 anni. Una beffa che colpisce una categoria che nell’ultimo anno è stata in prima linea nella lotta al coronavirus, spesso lavorando giorno e notte senza sosta per far fronte ai picchi di affluenza negli ospedali. Un medico di Continuità Assistenziale che ha prestato servizio per un totale di n 2.500 ore dovrà restituire la somma complessiva di € 2.200, quale emolumento effettivamente percepito al netto.

Il direttore di Ats precisa il carattere oggettivo dell’indebito pagamento di somme non dovute e attribuisce alla P.A. il diritto/dovere a richiedere la somma per intero e non c’è prescrizione che tenga. I medici che hanno ricevuto la “letterina di Natale”, inoltre, dovranno restituire somme che in alcuni casi arrivano a 13-14 mila euro, entro 30 giorni.

I rimborsi erano stati erogati da Regione Lombardia in base a un accordo sindacale del 2007 che corrispondeva un euro in più all’ora per ogni visita in veste di guardia medica effettuata al di fuori del proprio ambito. L’accordo è stato firmato dai sindacati dei medici e da Regione Lombardia, ma per i giudici della Corte dei conti non è a norma ed è stato sospeso dal 2019.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 25 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Alberto Gelosia
    Scritto da Alberto Gelosia

    Il titolo dell’articolo mi pare ingannevole.
    ATS e Regione non sono colpevoli: hanno solo dovuto applicare un’ordinanza della Corte dei Conti, che è un organismo statale.

    1. Orlando Mastrillo
      Scritto da Orlando Mastrillo

      certamente ma a richiedere i soldi è la regione tramite Ats e la lettera è arrivata il 24 dicembre. Un tempismo perfetto

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.