Pronti i video della mostra “Nel salotto del collezionista”

Ogni domenica, a partire dal 20 dicembre, sarà diffuso un video (sulla pagina FB di Fondazione Comunitaria) che racconta la storia di mecenati e filantropi del nostro territorio.

Nel salotto dell'artista

La mostra d’arte “Nel salotto del collezionista. Arte e mecenatismo tra otto e novecento”, aperta lo scorso 3 ottobre e promossa da Fondazione Cariplo, Fondazione Comunitaria del Varesotto e Comune di Varese, è temporaneamente chiusa. Tuttavia l’obiettivo dei promotori è più che mai quello di permettere ai cittadini di godere della bellezza delle opere e di poter approfondire i temi della mostra stessa, ovvero il mecenatismo e la filantropia. Per queste ragioni si è messo a punto un piano alternativo per “portare la mostra nei salotti” di varesini e non varesini, appassionati d’arte e curiosi: gli strumenti utilizzati, infatti, permetteranno di poter avvicinare alla mostra un pubblico per certi versi ancora più ampio rispetto a quello che normalmente avrebbe visitato la mostra.

Tutti i video

Dopo i primi quattro video dedicati a conoscere da vicino altrettante opere in mostra opere, ora tocca alle famiglie di mecenati e a un collezionista d’eccezione, essere sotto i riflettori. Chi avesse perso i video precedenti potrà rivederli collegandosi al canale Youtube della Fondazione Comunitaria del Varesotto: sarà un’occasione per ammirare da vicino alcune delle opere degli artisti in mostra: Francesco Hayez (Tamar De Giuda), Giuseppe Pelizza da Volpedo (La processione), Giuseppe Montanari (Madre) e Gaetano Previati (La danza delle Ore), con il commento del direttore dei Musei Civici di Varese, Daniele Cassinelli.
Opere e teatro insieme per la cultura.

Ogni domenica, a partire dal 20 dicembre, saranno invece resi disponibili (sempre sul canale Youtube, ma anche sui canali social della Fondazione Comunitaria) i video realizzati con la collaborazione di alcune associazioni culturali del territorio, che hanno accettato di essere al fianco della Fondazione in un momento così delicato e difficile.
“Vogliamo dare un segnale positivo – dice il presidente della Fondazione Comunitaria del Varesotto, Maurizio Ampollini –, che mette al centro la dimensione comunitaria del rapporto tra l’ente di erogazione e i beneficiari. La Fondazione è un soggetto che sta dentro la comunità e vuole vivere con essa creando relazioni”. Inizialmente le associazioni culturali avrebbero dovuto partecipare a un ricco calendario di eventi in presenza, cancellato poi per la pandemia: attraverso i video si è voluta recuperare, almeno in parte, questa collaborazione e sinergia. Grazie a realtà del panorama culturale sono narrate – con un adattamento dai testi del catalogo – le storie di alcuni filantropi e mecenati locali.

Con l’associazione culturale Red Carpet Teatro e Giorni Dispari Teatro – e le voci narranti di Serena Nardi e Sarah Collu – potremo ascoltare il racconto della famiglia Talacchini (il cui ritratto apre la mostra) e le vicende del Gallaratese Giudo Rossi; Martin Stigol e Noemi Bassani di Progetto Zattera Teatro rileggono la storia dell’imprenditore italo cinese Chang Sai Vita e della moglie, Adele Pesaro.
Il video conclusivo della mostra, che sarà trasmesso domenica 10 gennaio, è stato affidato a Spazio Yak Karakorum Teatro. Grazie al contributo di Stefano Beghi e Susanna Miotto, si popone un omaggio al collezionismo come atto creativo, trovando una piena raffigurazione di ciò nella figura del poliedrico Lodovico Pogliaghi, alle cui opere è dedicata una delle sale della mostra.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 19 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.