Dopo 70 anni il piastrino militare disperso è tornato a casa ad Olgiate Olona

Restituito alla figlia del soldato Colombo Giuseppe il piastrino militare che egli perse durante la Seconda Guerra Mondiale. Tanta commozione a Olgiate Olona

Generica 2020

E alla fine il piastrino militare del soldato Giuseppe Colombo, smarrito oltre 70 anni fa, è tornato nelle mani della sua famiglia, in quelle della figlia Luigia.

Come tanti soldati che, terminati i combattimenti, si misero in viaggio e attraversarono città e luoghi diversi prima di tornare nei loro paesi natii, il piastrino militare – andato perduto durante la Seconda Guerra Mondiale in terra ligure – è passato dal Lazio, prima di tornare in provincia di Varese e per l’esattezza a Olgiate Olona, nel luogo in cui sarà custodito ed esibito con emozione.

piastrino militare Colombo Giuseppe Olgiate

Nella settimana appena trascorsa, in un pomeriggio dagli occhi lucidi, l’olgiatese Davide Mancini ha infatti consegnato il piastrino militare alla figlia del soldato, un’emozionata nonnina che, proprio quel giorno, festeggiava il suo 87esimo compleanno.

La ricerca dei famigliari del soldato Colombo era iniziata grazie alla caparbietà di una cerchia romana di appassionati di storia, Gruppo Ricerche Storiche, che si diletta a ritrovare oggetti del passato, soprattutto militari, e rintracciare le famiglie dei proprietari per restituirlo, in modo completamente gratuito.
Maurizio De Angelis, uno dei referenti, aveva pubblicato un annuncio sul gruppo Facebook di VareseNews “Oggi in valle Olona“, raccontando del ritrovamento del piastrino militare e della speranza di rintracciare qualche parente del soldato.

Dopo 70 anni la piastrina militare torna a casa, ritrovata la famiglia del soldato che l’aveva persa

Li aveva contattati a quel punto Mancini, olgiatese con la passione per la ricerca storia, offrendo la propria disponibilità per un aiuto sul campo: dopo aver identificato la famiglia grazie all’ufficio anagrafe comunale, era stato infatti lui a recarsi a casa Colombo per comunicare del ritrovamento del piastrino. Grazie alla nipote della signora Luigia, Federica, la consegna è stata così organizzata a puntino e il 21 gennaio, 87esimo compleanno della nonna, le è stato consegnato il quadretto contenente un tricolore, il piastrino di papà Giuseppe e il logo di Gruppo Ricerche Storiche.

Generica 2020

Il piastrino è tornato a casa, dunque, e noi non possiamo che complimentarci con tutti i protagonisti di questa vicenda, affascinante come quelle fotografie in bianco e nero che racchiudono mondi lontani. Una storia che ha saputo emozionare – e non solo i diretti interessati – ma che ha anche mostrato il lato peggiore delle persone, con il tentativo di un individuo disonesto di farsi passare, prima, per un familiare di Colombo, poi di acquistare il piastrino. Un po’ di rabbia e amarezza, dunque, ma non in grado di offuscare la gioia per una storia a lieto fine e per un “regalo inaspettato”, come più volte ripetuto da nonna Luigia.

Santina Buscemi
santina.buscemi@gmail.com

Amo raccontar dei paesini, dove la differenza la fanno le persone comuni che si impegnano in piccole associazioni. È di loro che scrivo..e mi emoziono sempre un po'. Anche questo è VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 24 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.