“Bisogna rivedere la legge sanitaria regionale”: il primo obiettivo del neoassessore Moratti

E’ da poche ore al timone di un assessorato alla sanità che ha avuto un anno burrascoso, ma ha già le idee ben chiare Letizia Moratti

Letizia Moratti prima conferenza da vicepresidente Lombardia

E’ da poche ore al timone di un assessorato alla sanità che ha avuto un anno burrascoso, ma ha già le idee ben chiare Letizia Moratti.

Il neo assessore alla sanità risponde infatti ad una domanda su come fare per cambiare la situazione lombarda con: «C’è la necessità di rivedere la legge 23: va fatta una riorganizzazione strutturata, perchè questa è la risposta piu efficace. Il problema infatti non va visto solo in chiave di emergenza, ma su tempi più ampi, e non pensando solo al Covid. La sanità lombarda deve dare risposte non solo all’ambito Covid, ma anche a tutte le altre patologie,. Per questo analizzeremo anche i tempi di risposta per visite ed esami».

La legge 23 di riforma del sistema sociosanitario della regione Lombardia è la norma del 2015 che ha portato alla riorganizzazione delle 15 ex ASL in 8 nuove Ats – Agenzie di tutela della salute – e alla netta distinzione delle funzioni tra Ats e Asst (ex Aziende ospedaliere), assegnando compiti programmatori alle prime e gestionali alle seconde.

Emanata durante la presidenza di Roberto Maroni, ha cambiato significativamente il precedente assetto della sanità lombarda definito dal “Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità” datato fine 2009, in conclusione del terzo mandato di Roberto Formigoni.

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.