Fontana “mette le mani avanti”: “La Lombardia potrebbe tornare in zona rossa”

Il presidente della Regione ha parlato dell'argomento durante la presentazione del punto vaccinale al Molina. Confermando le sue parole poche ore dopo, alla presentazione della nuova giunta regionale

L’appuntamento era per la presentazione istituzionale del punto vaccinale all’Istituto Molina, ma l’occasione per chiedere al presidente della regione Lombardia Attilio Fontana maggiori informazioni sulla situazione delle chiusure nella Regione era troppo importante: e le risposte giunte dal Governatore sono di quelle che non lasciano tranquilli i lombardi.

«I prossimi colori si decideranno venerdì prossimo, quindi per tutta la prossima settimana la Lombardia sarà arancione – ha spiegato infatti Fontana – Dovremo poi però capire se l’RT e gli altri parametri che determinano il colore peggioreranno o miglioreranno. Nel caso in cui dovessero peggiorare, poichè siamo vicini al limite, c’è la possibilità che da venerdì di settimana prossima scatti il rosso. Anche perché dall’inizio di dicembre l’indicazione dei parametri è stata resa più rigorosa: mentre l’RT che determinava la zona arancione arrivava a 1 e 50, ora è stato abbassato a 1,25. E i dati che non scendono indicano che dobbiamo continuare prestare attenzione, che non possiamo ritenere che il problema sia risolto».

A poche ore dalle proteste a Milano contro la decisione di continuare a tenere chiuse le scuole superiori, anche la domanda su cosa si può fare per riportare la normalità nell’istruzione secondaria è stata rivolta al presidente di Regione Lombardia: «Sono assolutamente cosciente che le scuole debbano essere riaperte – ha risposto – Ma possono essere riaperte solo in una situazione di assoluta sicurezza: per sè stessi ma anche perchè possano evitare di contribuire involontariamente a diffondere il virus. Del resto, mi sembra che tanti altri miei colleghi abbiano assunto lo stesso provvedimento. Oltretutto, da una recente indagine svolta nella nostra regione risulta che purtroppo la fascia di età dai 14 ai 19 anni è una di quelle in cui è alta la percentuale delle persone che hanno pochi sintomi ma sono comunque portatori del virus e che quindi contribuiscono a diffonderlo».

Le parole pronunciate da Fontana all’istituto Molina sono state confermate da lui stesso poco più di un’ora dopo a Milano, durante la conferenza stampa in Regione Lombardia che ha presentato i nuovi assessori della giunta Regionale Lombarda.

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Video

Fontana “mette le mani avanti”: “La Lombardia potrebbe tornare in zona rossa” 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da diadora

    finchè avremo cuor di leone che abbassa la testa.
    centreranno mica i camici…..

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.