La Provincia : “Limitazione alla circolazione dei tir a Bardello, ma solo con il consenso di tutti”

Dopo la denuncia circa i danni del passaggio di autoarticolati superiori a 42 tonnellate fatta dal sindaco Puggioni, replica il consigliere delegato alla viabilità Aldo Simeoni che chiarisce ruoli e condizioni

Rottura condotta a Bardello

Non è compito della Provincia di Varese sostituire le condotte dell’acquedotto interrate, né, tantomeno, prendere unilateralmente provvedimenti che impediscano la circolazione sulle strade.  Dopo la denuncia del Sindaco di Bardello Puggioni sulla situazione viabilistica lungo la SP18, risponde il consigliere delegato alla viabilità Aldo Simeoni chiarisce la posizione della Provincia. La questione, spiega il consigliere di Villa Recalcati,  va affrontata e concordata coinvolgendo tutti gli attori interessati, non ultime le sigle che rappresentano gli autotrasportatori: « Per quanto riguarda il passaggio dei mezzi pesanti sulla SP 18, situazione che non riguarda ovviamente solo Bardello, ma anche tutti i Comuni interessati dall’attraversamento di tale arteria, la Provincia di Varese si è sempre concretamente resa disponibile ad affrontare la problematica e, in tal senso, si è sempre comportata».

«Però sul tema, ricordiamolo, è sempre stata chiarissima: siccome il codice della strada vieta espressamente che, in forma unilaterale, vengano disposti divieti alla circolazione diparticolari categorie di mezzi che, come conseguenza, spostino il traffico (e in particolare quello pesante) su altri territori, è assolutamente necessario che tale decisione venga presa di comune accordo con tutti i Comuni limitrofi direttamente interessati e coinvolti a seguito di una modifica della disciplina della mobilità veicolare rispetto a quanto oggi in essere.
E ciò, si badi bene perché essenziale, anche con la condivisione delle associazioni di categoria degli operatori economici (autotrasportatori, edili, industriali ecc.) che, in quanto soggetti portatori di interesse, devono essere ascoltati al fine di non arrecare ad essi potenziali danni (percorsi più lunghi, maggiori tempi, maggiori costi, perdite di chance ecc.). In questo alveo la Provincia si è sempre mossa, ha sempre ascoltato le richieste di incontro e confronto avanzate dai Sindaci e conferma, qualora ce ne fosse ulteriormente bisogno, la propria disponibilità a proseguire su questa strada».

Complessa anche la questione dell’attraversamento pedonale rialzato: «A seguito della richiesta di realizzazione dello stesso da parte del Comune – spiega ancora il consigliere delegato –  la Provincia di Varese ha provveduto al rilascio dell’autorizzazione. Non risulta agli atti, come peraltro si conviene da ambo le parti, in tutti i procedimenti che presumono una programmazione della spesa e una pianificazione dei lavori, alcun accordo scritto. Qualora di interesse, si invita a rinnovare la richiamata autorizzazione ad oggi scaduta, fornendo la nostra collaborazione se possibile e qualora richiesta».

In avvio, infine, i lavori di sistemazione  di Via Mazzini che riguarderanno anche l’area interessata dall’ultima rottura della condotta idrica: «La rete idrica, quando viene interrata sotto una strada, qualunque essa sia, deve essere posata ad una quota minima prevista dal codice della strada, deve essere opportunamente protetta per i carichi massimi su di essa gravanti e, quando non più in grado di assolvere ai propri compiti per il raggiunto limite di funzionalità, essere sostituita dall’ente competente gestore della rete che, lo ricordo, non è la Provincia di Varese».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.