I medici lombardi: “Pronti a contribuire per ridisegnare la sanità regionale più grande d’Italia”

Il sindacato Anaao Assomed augura buon lavoro al nuovo assessore Letizia Moratti e concede l'onore delle armi a Giulio Gallera ma chiede di ripensare il sistema sanitario regionale

coronavirus foto generiche vario varie

Il sindacato Anaao Assomed Lombardia interviene sul recente rimpasto della Giunta regionale lombarda, e in particolare sulla sostituzione dell’assessore Giulio Gallera con Letizia Moratti.

«Il nuovo assessore al Welfare, nonché vicepresidente della giunta Letizia Moratti, ha preso il posto di Giulio Gallera, che ha guidato nel terribile periodo dell’emergenza sanitaria, non ancora archiviato, il Servizio sanitario regionale più colpito del mondo occidentale – dice Stefano Magnone, segretario regionale di Anaao Assomed Lombardia – Lungi da noi l’esprimere giudizi sommari su un periodo che verrà ricordato per decenni, ci sembra però che l’intento vagamente liquidatorio dell’avvicendamento non possa evitare una chiamata alla corresponsabilità di tutta la maggioranza di governo regionale. In altre parole, l’ex assessore Gallera non può essere certo considerato unico e solo responsabile di come la sanità lombarda abbia reagito alla pandemia. Le premesse per le difficoltà c’erano già tutte nel disinvestimento sul territorio, abbandonato a se stesso ben prima del Covid senza una reale ristrutturazione della rete ospedaliera, insostenibile per molti motivi».

Secondo il segretario di Anaao Assomed Lombardia, va ripensato tutto il sistema, dagli ospedali al rapporto pubblico-privato: «L’onorevole Matteo Salvini ha recentemente affermato che vanno riaperti gli ospedali chiusi a causa dei tagli imposti dall’Unione europea. Credo che la serietà richiesta dalla riforma necessiti un concreto ripensamento della rete ospedaliera lombarda e non logori slogan elettorali. Insieme al territorio sguarnito c’è il tema della prevenzione, divisa tra Ats e Asst, dove manca una regia vera e forte. Da ultimo, è evidente che l’eccellenza del sistema sanitario lombardo e il rapporto pubblico-privato meritino seri approfondimenti invece di stanche autoassoluzioni e proclami autoreferenziali».

Anaao Assomed ha già trattato il tema della riforma ad ottobre, in un convegno pubblico: «A breve l’evento sarà ripetuto con intenti analoghi ma con accenti diversi – conclude Magnone – Il nostro sindacato, mentre augura a Letizia Moratti buon lavoro e concede l’onore delle armi a Giulio Gallera, conferma la propria disponibilità a contribuire al ridisegno della sanità regionale più grande d’Italia».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.