Scoiattoli stressati in città? Varesenews partecipa al progetto “SelvatiCittà”

La collaborazione con Università degli studi dell'Insubria e Comune di Varese per favorire la cosiddetta «citizen science»: tutti i cittadini sono chiamati a contribuire con segnalazioni, avvistamenti, fotografie che verranno condivise sui nostri canali

Generica 2020

Con un focus sullo stress degli scoiattoli prende il via «SelvatiCittà: la fauna in ambiente urbano», tema sempre più attuale che è al centro di una ricerca del Dipartimento di Scienze teoriche e applicate (Dista) dell’Università dell’Insubria in collaborazione con il Comune di Varese. Un progetto di durata triennale affinché «i cittadini possano conoscere e apprezzare il valore profondo della biodiversità, come ricchezza per un territorio che punta a diventare sempre più sostenibile», come sottolinea Dino De Simone, assessore varesino all’Ambiente.

Punto di partenza dello studio è la reazione della fauna alla trasformazione degli habitat e dei paesaggi a seguito dell’urbanizzazione, che ormai da secoli ha ridotto la diversità biologica. Le specie più esigenti da un punto di vista ecologico, come le aquile o le martore, stanno distanti dalle città, mentre le specie più plastiche riescono ad adattarsi e sanno utilizzare a loro favore habitat frammentati, per esempio le aree verdi che si intervallano agli insediamenti umani.

In particolare «SelvatiCittà» analizzerà gli insediamenti stabili di scoiattoli rossi nella città di Varese, partendo dal dato di fatto – come spiega lo zoologo dell’Insubria Adriano Martinoli – che la loro vita è senz’altro più stressata rispetto a quella dei “cugini” del Campo dei Fiori, perché se è vero che probabilmente hanno un minor carico parassitario e più cibo a disposizione, sono anche più infastiditi dal traffico e dalla presenza dell’uomo».

«Lo stress da città – continua Martinoli – può indurre cambiamenti nel comportamento, nella dieta, nel potenziale riproduttivo e nella sensibilità a infezioni e parassiti, arrivando a incidere anche sulla sopravvivenza. E, in ultima analisi, possono esserci conseguenze dirette sulla gestione delle specie nonché crearsi possibili conflittualità con le popolazioni umane. Questi fattori possono anche incidere notevolmente sulle percezioni della fauna da parte dell’opinione pubblica, modificando potenzialmente le future strategie di gestione e conservazione».

Generica 2020

Scoiattolo Rosso, foto Ambrogio Molinari

La ricerca ha dunque come obiettivo lo studio delle variazioni indotte sulle popolazioni urbane, anche attraverso la misurazione dei metaboliti dello stress attraverso indagini sanitarie, sugli scoiattoli dei parchi delle ville Mirabello, Mantegazza, Toeplitz e Baragiola, ma foto-trappole e sistemi di sistemi di monitoraggio saranno presenti anche in altre aree verdi, per iniziare un censimento delle specie e della numerosità della fauna urbana varesina.

Sottolinea Dino De Simone: «A Varese possiamo osservare i gheppi che hanno nidificato sul Campanile del Bernascone, gli allocchi nel giardino del Palace Hotel, i ricci al Campus Bizzozero, sempre più frequentemente vi sono incursioni in città di cervi, cinghiali e caprioli, tra la fauna di medie grandi dimensioni. La nostra città, con i suoi parchi e giardini, spazi verdi che rappresentano delle isole importanti per molti animali rappresenta un esempio emblematico di coesistenza in itinere tra uomo e fauna».

Interviene anche il direttore del Dista Mauro Ferrari, grade appassionato di natura: «I nostri ricercatori da molti anni utilizzano gli scoiattoli come specie modello per verificare la dipendenza delle specie boschive dalla produzione di alimento come castagne, faggiole o pinoli, fattori che influenzano la sopravvivenza delle popolazioni, studiando inoltre i fenomeni di dispersione e colonizzazione degli animali, così come i fattori di stress ambientale».

«SelvatiCittà: la fauna in ambiente urbano» coinvolge ricercatori e studenti dei corsi in Scienze dell’ambiente e natura e Scienze ambientali, del master Fauna HD, del corso di Storia e storie del mondo contemporaneo che si occupano di human dimension e del Centro di ricerca in Mass media e società: storia e critica dell’opinione pubblica: un lavoro coordinato affinché i dati scientifici possano essere non solo raccolti ma anche comunicati con efficacia. Per questo è stata attivata una collaborazione con VareseNews per favorire la cosiddetta «citizen science»: tutti i cittadini possono dare un contributo al monitoraggio della fauna in città con segnalazioni, avvistamenti, fotografie che saranno pubblicate sui canali del nostro giornale.

Credit photos: Ambrogio Molinari 

Eleonora Martinelli
martinellieleonora@gmail.com

Con VareseNews voglio contribuire ad una costruzione positiva del senso di comunità. Dare voce alle persone e al territorio, far conoscere il loro valore. Sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.