Gli ultra ottantenni del Luinese a Gallarate per vaccinarsi, la protesta dei sindaci

Gli anziani costretti a un'ora di auto prima della puntura. Fazio, Passera e Bianchi chiedono alle autorità un ripensamento: “Ci era stato detto che erano disponibili gli ospedali di Luino e Cittiglio, invece..."

vaccini fondazione sacconaghi - borghi

Un’ora di macchina per vaccinarsi, con due ospedali sotto casa a Luino e Cittiglio. Le vaccinazioni per gli ultra ottantenni sono partite ma nel Luinese c’è la protesta dei sindaci convinti appunto che venissero utilizzati gli ospedali del Verbano. Invece per gli anziani il punto vaccini individuato è Gallarate.

Così i sindaci di Luino, Germignaga e Maccagno con Pino e Veddasca firmano una lettera aperta di protesta.

Che le vaccinazioni siano strumento fondamentale per la lotta alla Covid-19, non siamo certo noi a scoprirlo oggi.
Abbiamo accolto con favore, dunque, la scelta di Regione Lombardia di accettare le iscrizioni degli ultra 80enni su una apposita piattaforma per iniziare proprio da loro un lavoro capillare per iniziare a mettere un freno a questa emergenza epidemiologica che ha sconvolto le nostre vite e quelle delle nostre Comunità.
Abbiamo aspettato con ansia di conoscere la data e il luogo in cui queste vaccinazioni si sarebbero realizzate, certi di poter iniziare a scrivere una pagina nuova su questa vicenda che dura da oramai un anno.
Tutto bene, quindi?
Assolutamente no. A cittadini ultra 80enni delle nostre valli stanno arrivando le prime convocazioni a cura di A.S.S.T. “7 Laghi”, con l’invito di recarsi a Gallarate per la somministrazione del vaccino. Ebbene si, a quasi un’ora di auto da qui. Ovviamente, in parallelo, stanno fioccando le rinunce di moltissimi anziani, che non possono o non se la sentono di arrivare fin laggiù.

A noi cadono le braccia. Eravamo certi si sarebbero utilizzate le strutture Ospedaliere (Luino, Cittiglio), e invece niente da fare.
In questo modo non solo si mette a repentaglio un intervento fondamentale quali sono le vaccinazioni, ma si assesta un duro colpo anche a tutti i medici di base che hanno speso giorni e giorni a convincere i loro pazienti della necessità di questo passaggio e che ora, con ragione, ci confidano le loro ansie.
Chiediamo con forza, certi di interpretare le preoccupazioni degli altri sindaci del nostro territorio, che si ritorni su questa decisione e si possano aprire le porte dei nostri presidi per le vaccinazioni, con il “recupero” di quanti non se la sono sentita di raggiungere Gallarate.

Stiamo combattendo una battaglia decisiva, e in questo momento abbiamo la possibilità di tutelare i più fragili e i più colpiti da questa epidemia.
Se perdiamo questa battaglia, avremo perso tutti e, davvero, sarà troppo tardi per recriminare.
Per questo ci aspettiamo una pronta e risoluta presa di posizione dei vertici della Sanità provinciale, capace di mettere fine a uno stortura davvero incomprensibile.

Enrico Bianchi Sindaco di Luino; Marco Fazio Sindaco di Germignaga; Fabio Passera
Sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Rolo

    Considerato che i dirigenti del settore sanitario sono tra i meglio retribuiti dei dipendenti pubblici, non mi stupisco che abbiano deciso, in forza della loro lungimirante visione, di fare trasferire le persone anziane dalle valli del luinese fino a Gallarate per le vaccinazioni anti Covid-19.
    Ma questi fenomenali dirigenti lautamente stipendiati anche dalle trattenute fiscali dei pensionati si rendono conto che per andare da Armio (un Comune a caso) a Gallarate in auto e senza intoppi ci vuole almeno un’ora e mezza? E l’attesa per la vaccinazione? E il tempo di ritorno? Insomma come minimo per ogni persona serve impegnare tra le 4 e le 5 ore. E chi si occupa del trasferimento? Familiari e conoscenti? E perché mai quando nel luinese ci sono gli ospedali di Luino e Cittiglio o possono essere eventualmente ricercate altre strutture? Il problema potrebbe essere il costo dell’eventuale trasferta del personale addetto alle vaccinazioni? In questo caso chiedo se è più importante il budget economico o il disagio e la salute dei nostri anziani, ma è pur verso che più ne trapasseranno e più l’INPS risparmierà…
    Strano che gli esponenti di rilievo della ASST 7 laghi non abbiano anche pensato di istituire dei pulman quotidiani per il trasporto fino a Gallarate, dall’alto della loro visione potrebbero abbinare ai viaggi la vendita di pentole e padelle come d’uso qualche anno fa. Si sa i vecchi hanno spesso casseruole acciaccate e sarebbe un buona idea fare rinnovare il pentolame, anche perché si darebbe un po’ di impulso alla stagnante economia…

    Ma perché la sanità lombarda è ridotta così???

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.