Lavorare in ufficio: il toner e gli inchiostri per stampante sono potenzialmente dannosi per la salute

Due sostanze chimiche utilizzate nell’industria della stampa sono state aggiunte all'elenco delle sostanze che possono danneggiare le persone o l'ambiente

Generica 2020

L’ECHA (l’Agenzia europea per le sostanze chimiche con sede a Helsinki) ha aggiunto ulteriori sostanze all’elenco dei prodotti potenzialmente nocivi per le persone e per l’ambiente. Tra le nuove sostanze candidate ci sono il Diottil dilaurato e il Tetraglima che trovano impiego in vari settori industriali per la produzione della plastica e della gomma e vengono utilizzate anche come solventi nel processo di produzione dei toner e degli inchiostri per la stampa. Queste sostanze sono state aggiunte all’elenco dei candidati in quanto sono tossiche per l’uomo e possono influire negativamente sulla funzione sessuale e sulla fertilità.
Gli effetti del toner sulla salute delle persone sono stati più volte oggetto di discussione e di studio ed è ormai assodato che l’inalazione delle polveri di toner emesse dalle stampanti laser e dalle fotocopiatrici può causare disturbi alle vie respiratorie soprattutto nei soggetti con mucose ipersensibili.
Le principali istituzioni internazionali, classificano il toner tra le sostanze non cancerogene. Infatti, non esistono studi epidemiologici che indichino una correlazione diretta tra l’esposizione a polveri di toner e una maggiore incidenza di tumori alle vie respiratorie. C’è da dire che, come per qualsiasi altra sostanza chimica, un effetto nocivo non può essere escluso del tutto, per questo motivo è importante utilizzare alcune precauzioni per l’uso di toner e cartucce e, più in generale, applicare alcune misure di sicurezza quando si lavora a stretto contatto con dispositivi di stampa. I soggetti a rischio sono ovviamente quelli maggiormente esposti a queste sostanze, quindi gli addetti alla manutenzione delle macchine fotocopiatrici oppure gli operatori nel settore della rigenerazione delle cartucce e dei toner. La possibilità di sviluppare malesseri o disturbi respiratori per chi svolge un normale lavoro d’ufficio è molto bassa e può essere ridotta al minimo mettendo in atto alcune semplici norme di igiene ambientale come, ad esempio, la frequente aerazione dei locali.

Identificazione e gestione dei rischi

Il regolamento dell’Unione Europea per la protezione della salute umana e dell’ambiente, stabilisce che le aziende produttrici sono obbligate ad identificare e gestire i rischi collegati alle sostanze pericolose che producono. Inoltre, a partire dal mese di gennaio 2021, le aziende devono notificare all’ECHA, ai sensi della direttiva quadro sui rifiuti, se i loro prodotti contengono sostanze estremamente preoccupanti.
Le sostanze candidate, individuate lo scorso 19 gennaio, potrebbero essere inserite in futuro nell’elenco delle sostanze che necessitano di autorizzazione, il che significa che le aziende produttrici dovrebbero richiedere l’autorizzazione per continuare ad utilizzarle applicando un’adeguata etichettatura dei prodotti e fornire informazioni sufficienti ai propri clienti e consumatori per un uso sicuro. Inoltre, tutti i fornitori di prodotti presenti nell’elenco di sostanze candidate (fornite da sole o in miscele) devono fornire ai propri clienti una scheda di dati di sicurezza.

Quale tipo di stampante è più sicura per la salute?

L’uso di apparecchi per la stampa e la copia di documenti è molto diffusa in tutti gli uffici e difficilmente si potrà decidere quale tipologia di macchine utilizzare. Tuttavia, se dobbiamo acquistare una stampante per la casa possiamo optare per la tecnologia più sicura per la nostra salute. E’ bene sapere che le stampanti e le fotocopiatrici laser, oltre al rischio di inalazione del toner, espongono gli utenti a un altro rischio chimico legato all’emissione di ozono e alla decomposizione del toner sotto l’azione del calore. Queste emissioni sono di modesta entità e non arrecano danni se gli apparecchi sono posizionati in ambienti abbastanza aerati. La probabilità che le stampanti laser arrechino disturbi alla salute dipende dal tipo di macchina, dalla frequenza di utilizzo e dal ricambio dell’aria.
In linea generale si può certamente affermare che le stampanti laser, rispetto a quelle a getto d’inchiostro, presentano più inconvenienti per la salute e dovrebbero essere maggiormente attenzionate in fase di installazione e utilizzo.

divisionebusiness@varesenews.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 24 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.