La protesta dei genitori davanti alle elementari di Sumirago: “La chiusura delle scuole ha gettato le famiglie nel caos”

Dopo la repentina decisione di vietare la didattica in presenza alcuni genitori hanno voluto farsi sentire in segno di protesta, così come avveniva contemporaneamente in altri istituti della provincia, nella mattina di lunedì 8 marzo

La sicurezza durante questa pandemia deve venire prima di tutto ma siamo sicuri che le decisioni che sono state prese sulla scuola, e le tempistiche con le quali sono avvenute, siano davvero la scelta migliore per combattere il contagio?

Se lo sono chiesto alcuni genitori dei bambini della scuola di Sumirago che hanno voluto farsi sentire in segno di protesta, così come avveniva contemporaneamente in altri istituti della provincia, nella mattina di lunedì 8 marzo.

C’erano soprattutto tante mamme, insieme ai propri figli, a ribadire quanto la decisione di chiudere le scuole dall’oggi al domani abbia gettato nel caos intere famiglie secondo uno schema che, ad un anno esatto dallo scoppio dell’emergenza pandemica, non è cambiato di una virgola.

«Siamo genitori, quella categoria insieme ai bambini che da un anno esatto è fanalino di coda dell’agenda politica di questo paese – spiega Chiara Pistoletti, una rappresentante di classe della scuola di Sumirago -. Oggi siamo qui con un gruppo di genitori che non parla a nome della scuola ma vuole dare voce ai propri bambini. Vogliamo ricordare che oggi, invece di lottare per la scuola, si è pensato solo a chiudere. Noi vogliamo trovare delle soluzioni alternative, cerchiamo un’apertura al dialogo per trovare altre opzioni che siano compatibili con la situazione attuale. Ci sono scuole che non hanno contagi da settembre ne classi in quarantena non si può vanificare il sacrificio di tutti».

mamme scuola sumirago

«Viviamo all’interno di molti paradossi – aggiunge Katia, mamma di due bambini che frequentano l’istituto -. Io mi ritrovo ad essere contenta di essere in cassa integrazione perché almeno così riesco a gestire i miei figli ma non per tutti è così. Ci sono genitori che devono andare a lavorare perché non hanno più accesso ai permessi e sono costretti a portare i bambini dai nonni ottantenni che ad oggi non hanno ancora avuto la vaccinazione. Questo è un altro paradosso, soprattutto in virtù del fatto che invece a scuola venivano rispettate le distanze e le norme di sicurezza. Con la chiusura questo è stato smantellato e si è creato un caos anche nella gestione del contenimento del virus».

Tomaso Bassani
tomaso.bassani@varesenews.it

Mi piace pensare VareseNews contribuisca ad unire i puntini di quello straordinario racconto collettivo che è la vita della nostra comunità. Se vuoi sentirti parte di tutto questo sostienici.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 08 Marzo 2021
Leggi i commenti

Video

La protesta dei genitori davanti alle elementari di Sumirago: “La chiusura delle scuole ha gettato le famiglie nel caos” 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.