Antica anfora tolta al contrabbando e restituita allo Stato

Il reperto, datato fine VI secolo, dopo i necessari interventi di restauro, tornerà a far parte del patrimonio culturale dello Stato, che ne potrà garantire la tutela, la conservazione e la pubblica fruizione

Generica 2020

Nel corso di una piccola cerimonia tenutasi ieri presso la sede dell’Agenzia Dei Monopoli di Como, il direttore dell’Ufficio ha consegnato alla Responsabile Archeologa per la provincia di Como della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio un’antica anfora a figure nere, databile alla fine del VI sec. a.C.

L’anfora, sequestrata per contrabbando e custodita tra gli oggetti preziosi sequestrati dalla Sezione Operativa Territoriale di Chiasso, era stata intercettata dai funzionari ADM tra i beni di un cittadino italiano, nel corso delle ordinarie attività di controllo. 

In seguito confiscata è stata dichiarata, quindi, di interesse archeologico dalla competente Soprintendenza.

L’antico manufatto, dopo i necessari interventi di restauro, tornerà così a far parte del patrimonio culturale dello Stato, che ne potrà garantire la tutela, la conservazione e la pubblica fruizione.

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 20 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.