Gli trovano in casa a Luino un cellulare rubato, la polizia denuncia un ventiseienne per ricettazione

In azione la polizia di frontiera: il telefono risultato rubato a un ragazzo in un parco pubblico di Germignaga

polizia luino foto

La vittima del furto di un telefono aveva denunciato, la polizia ha attivato le indagini che hanno permesso di ritrovare l’apparecchio che dietro di sé ha lasciato una miriade di tracce: rimanendo acceso non è stato difficile risalire alla posizione.

Quindi nella giornata di ieri, giovedì 15 aprile, la polizia di Frontiera di Luino ha denunciato in stato di libertà un ventiseienne di nazionalità ecuadoregna, regolare e residente in provincia, per ricettazione di un telefono cellulare.

L’oggetto era stato rubato ad un diciassettenne mentre giocava a pallavolo in un parco pubblico di Germignaga.

Gli agenti hanno accertato che il telefono, subito dopo il furto, aveva continuato a funzionare e lo hanno recuperato all’interno dell’abitazione dell’ecuadoregno a seguito di perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica di Varese.

L’uomo è stato denunciato e dovrà rispondere del reato di ricettazione.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.