La petizione contro gli articoli violenti del giornale parrocchiale di Vanzaghello

Sul sito Change.org è on line una petizione in modo da chiedere al prete della parrocchia di Vanzaghello di "abbassare i toni violenti" in molti articoli controversi che esulano dal messaggio cristiano all'interno de "Il Mantice"

mantice giornale parrocchiale vanzaghello

«Si può essere in disaccordo su ogni cosa, ma un valore deve unirci tutti se vogliamo convivere preservando ciascuno le proprie idee: e questo valore è la libertà, purtroppo costantemente calpestata dagli “articoli” pubblicati sul giornalino»: questo estratto fa parte di una petizione lanciata su Change.org da Marco Cazzola per chiedere al prete della parrocchia di Vanzaghello, don Armando Bosani, di evitare l’incitamento all’odio e i toni violenti all’interno degli articoli del controverso giornale parrocchiale “Il Mantice”.

Infatti, tra gli articoli più locali e strettamente legati alla comunità parrocchiale, compaiono spesso dei pezzi firmati che attaccano direttamente la comunità LGBQT e i rifugiati; alcuni inneggiano al negazionismo climatico denigrando il movimento giovanile Fridays for future, altri ancora sminuiscono l’emergenza del femminicidio in Italia. Proprio per l’inserimento di questi temi, «che non hanno nulla a che fare con il messaggio cristiano», la presenza degli articoli violenti e intrisi di disinformazione fanno storcere il naso a molti dei cittadini.

Due anni fa Silvia Roggiani, segretaria del Partito Democratico provinciale, aveva criticato aspramente queste “scelte editoriali” sulla propria pagina Facebook.

Antisemitismo, negazionismo climatico e misoginia nel giornale parrocchiale: “Adesso basta”

Non viene imposta una censura, bisogna sottolinearlo, bensì si chiede di evitare i toni violenti nell’esprimere le proprie idee, cercando un confronto con chi non la pensa come lui: «Sarebbe quindi un bel gesto se decidesse di pubblicare questo testo sul Mantice: siamo sicuri che, da acerrimo nemico del pensiero unico quale lei sembra essere, sia ben felice di ospitare voci diverse dalla sua, dando la possibilità di esprimersi anche a coloro che, diversamente da lei, non hanno i mezzi per stampare un giornalino settimanale», si legge a fine della petizione.

Nicole Erbetti
nicole.erbetti@gmail.com

Per me scrivere significa dare voce a chi non la ha. Il giornalismo locale è il primo passo per un nuovo, empatico e responsabile incontro con il lettore. Join in!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.