Rifiuti nei boschi dei Ronchi, “zozzone” beccato dalla Polizia locale di Gallarate

L'analisi del materiale abbandonato ha consentito agli agenti di risalire all'autore dello scempio

gallarate generico

Ha inquinato il bosco di collina dei Ronchi, ma nel giro di pochi giorni si è fatto beccare dalla Polizia Locale di Gallarate: protagonista un gallaratese che pensava di liberarsi di rifiuti vari senza andare in discarica.

Vecchi infissi, latte in metallo e altro materiale erano stati abbandonati nel bosco in fondo a strada della Ronna, al confine tra il quartiere dei Ronchi e la vicina Casorate Sempione.

L’autore dell’abbandono di rifiuti è stato “pizzicato” come in altri casi analizzando i materiali. Nello specifico «per una raccomandanta di alcune comunicazioni che dovevano arrivare a casa», ritrovata all’interno di uno dei sacchi, spiega l’assessore alla sicurezza Francesca Caruso.

Tra l’altro la persona è residente proprio nei dintorni: ha fatto poca strada, per abbandonare il materiale.
La sanzione in questi casi varia da 300 a 3000, sul reato ambientale la competenza è della Provincia, sulla base del Testo Unico Ambiente art 255 d.lgs. 152/2006

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.