Forza Italia e il sostegno a Farioli, “Ancora una settimana per ricevere risposte dalla coalizione di centrodestra”

Le parole di Ignazio La Russa a Gallarate hanno fatto saltare sulla sedia il commissario provinciale di Forza Italia Giacomo Caliendo che ha voluto convocare una conferenza stampa per «ristabilire la verità»

giacomo caliendo

Le parole di Ignazio La Russa a Gallarate hanno fatto saltare sulla sedia il commissario provinciale di Forza Italia Giacomo Caliendo che ha voluto convocare una conferenza stampa per «ristabilire la verità» e ribadire che «Forza Italia è sempre stata ferma sulla sua posizione e sugli accordi presi mentre altri non li hanno rispettati».

Al centro dello scontro, che in questo caso vede un braccio di ferro tra Forza Italia da un lato e il sindaco Antonelli con Fratelli d’Italia dall’altro, c’è la decisione dei forzisti di mollare il centrodestra e appoggiare il terzo polo in costruzione con la candidatura dell’ex sindaco bustocco Gigi Farioli.

Una decisione, però, che Caliendo attribuisce ancora una volta alla mancanza di risposte dalla coalizione del centrodestra «La nostra posizione è sempre stata chiara. Abbiamo accettato di non poter avere una nostra candidatura tra i sindaci in lizza per le grandi città ma la richiesta inderogabile che abbiamo fatto al tavolo provinciale era quella che non ci fossero delle liste del sindaco, se non come liste civiche con candidature di quel profilo». Secondo il senatore la richiesta è stata accettata: «A Varese è andata così, a Gallarate anche. A Busto Arsizio ancora oggi non abbiamo risposte: dunque la nostra decisione. Non siamo noi ad aver cambiato idea sulla coalizione ma è la coalizione che si è mossa diversamente».

La richiesta per ricucire

Dalle parole del senatore forzista emerge però ancora una finestra per trattare: «Se dovessero esserci segnali di un passo indietro su questo punto faremo una nuova riunione del nostro comitato per prendere atto che sono state ripristinate le condizioni per l’unità del centrodestra anche a Busto Arsizio». I tempi della trattativa però sono stretti, «non siamo qui ad imporre ultimatum ma è chiaro che entro la prossima settimana prima che si chiudano i lavori parlamentari bisogna aver definito tutto». Al tema delle liste si aggiunge anche la situazione di Caronno Pertusella dove il commissario chiede di frenare gli appetiti di altri partiti: «in quel Comune c’era un lavoro già avviato in sinergia con le forze locali… lasciamoli lavorare».

La polemica con La Russa

Ci tiene, Caliendo, a sottolineare un punto in questa nuova fase del confronto tra i partiti: «Non ho mai coinvolto le sfere regionali o provinciali su queste decisioni perché sono cose che riguardano Varese, per questo non capisco l’intervento di La Russa. Non voglio fare polemica con il collega che conosco da quando faceva l’avvocato ma un bravo avvocato si sarebbe dovuto ricordare delle parole auree del presidente Einaudi: prima conoscere, poi discutere poi deliberare. La posizione di Forza Italia è stata sempre chiara e trasparente».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Luglio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.