Inaugurazione della velostazione a Busto Arsizio, i 5 Stelle: “Le nostre segnalazioni sono servite”

La consigliera Claudia Cerini ripercorre le varie segnalazioni sul degrado alla stazione Fs di Busto Arsizio e accusa l'assessore alla Sicurezza Rogora: "Ci accusava di terrorismo ma avevamo ragione"

velostazione stazione fs busto arsizio

I 5 Stelle di Busto Arsizio intervengono a seguito dell’inaugurazione della velostazione alla stazione Fs di Busto Arsizio e ricordano quanto da loro segnalato nei mesi scorsi.

Tre mesi fa la consigliera comunale dei 5 Stelle Claudia Cerini aveva segnalato pubblicamente, in un articolo, il degrado in stazione centrale e lo stato di abbandono della velostazione, costruita nel 2018 e mai utilizzata. Contestualmente aveva presentato un’interrogazione sulla sicurezza in stazione, che è stata poi discussa nell’ultima seduta di consiglio del 5 luglio scorso: «Per tutta risposta l’assessore Massimo Rogora rilasciò delle dichiarazioni alla stampa sminuendo le nostre segnalazioni e accusandoci di fare terrorismo» – aggiunge la consigliera.

Cerini (5 Stelle): “La stazione Fs di Busto Arsizio continua ad essere terra di nessuno”

«Tuttavia – sostiene Cerini – le nostre “inutili e terroristiche segnalazioni” sono servite: negli ultimi tre mesi, infatti, sono state messe in atto da Comune e Rfi varie azioni per migliorare la sicurezza della stazione, dalla rimozione delle panchine nell’atrio per evitare i bivacchi, alla sostituzione e potenziamento del servizio delle telecamere ora più performanti (da analogico a digitale)».

Sempre nelle scorse settimane due persone sono state anche arrestate: «Si trattava di soggetti che, secondo l’accusa, rapinavano i passeggeri e picchiavano i clochard della stazione, infine, notizia di ieri, è stata finalmente inaugurata la velostazione con parata in pompa magna di Sindaco e assessori per l’apertura di un’opera realizzata più di tre anni fa e mai utilizzata. Era ora! Mi vien da dire».

In manette il terrore della stazione Fs di Busto Arsizio, rapine in serie e botte alle vittime

Questo evento, secondo la consigliera pentastellata, non può non essere messo in correlazione con le segnalazioni fatte nei mesi scorsi: «Ora, quando la gente ci chiede cosa fa l’opposizione in consiglio comunale, ecco io penso che questa sia una risposta: segnaliamo e rendiamo pubblici i problemi della città per spingere chi amministra a porvi rimedio. Aver evidenziato queste lacune ci è costato una serie di accuse pubbliche, da parte dell’assessore alla sicurezza dal pressapochismo alla strumentalizzazione a fini elettorali, accuse cui non abbiamo voluto rispondere perché sapevamo che il tempo ci avrebbe dato ragione. Siamo soddisfatti che la stazione centrale sia tornata oggetto di attenzione e che i viaggiatori e i ciclisti abbiamo oggi un servizio adeguato. E credo che in ciò un po’ di merito lo abbiamo anche noi».

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Luglio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.