Iva non versata per 1,7 milioni nel settore pneumatici, denunce a Varese

I legali rappresentanti della società sottoposta al controllo sono stati denunciati alla Procura della Repubblica dopo le indagini dell'Agenzia delle dogane e monopoli

generica

I funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli dell’antifrode di Varese hanno scoperto ed accertato un’evasione di imposta sul valore aggiunto di oltre 1 milione e 770 mila euro nel settore degli pneumatici.

Le indagini sono maturate nell’ambito delle attività di verifica, realizzate mediante il ricorso alla
cooperazione amministrativa in ambito IVA incrociando i valori delle banche dati.

Il controllo è stato eseguito nei confronti di un soggetto che ha rivestito il ruolo di “missing trader” nell’ambito di molteplici scambi intracomunitari, effettuati nel triennio 2017/2019.

I legali rappresentanti della società sottoposta al controllo sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per le violazioni di natura penale previste dal D.Lgs. n. 74/2000.
ADM a tutela dell’Erario con il contrasto delle frodi.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Una piccola osservazione, possibile che ci si accorga di questa evasione dell’IVA dopo così tanto tempo? In secondo luogo, i responsabili sono stati denunciati e non arrestati così tra qualche anno, dopo processi e udienze varie saranno prescritti e i frutti dell’evasione rimarranno a loro disposizione. Se un fatto del genere fosse capitato negli USA gli evasori sarebbero finiti immediatamente in carcere e condannati a diversi anni di galera. Per loro fortuna e per sfortuna degli onesti siamo in Italia.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.