Nel Lago Ceresio fiorisce l’alga tossica: alcune raccomandazioni

Particolari condizioni climatiche hanno fatto "fiorire" l'alga responsabile della produzione di alcune tossine, che possono provocare fastidio cutaneo e intossicazione negli animali domestici

alga tossica algo ceresio

Nonostante la buona qualità delle acque del Lago Ceresio, specialmente nei lidi di Lavena Ponte Tresa e Brusimpiano, a causa delle particolari condizioni climatiche degli scorsi giorni potrebbe essere necessario in alcuni punti prestare attenzione alla Microcystis aeruginosa, un alga azzurra naturalmente presente nel Lago di Lugano, in grado di produrre tossine che, se presenti in alte concentrazioni possono indurre reazioni allergiche cutanee, sintomi gastrointestinali e effetti epatotossici (questi ultimi due solo se ingerite).

A far suonare il campanello d’allarme, il Laboratorio cantonale del Cantone Ticino, che pure ribadisce la buona qualità delle acque. Il fenomeno è un fenomeno naturale, che si acuisce con temperature elevate. Con l’abbassarsi di queste, come sta già avvenendo in questi giorni, la situazione dovrebbe rientrare rapidamente.

ceresio generico

Non c’è bisogno di allarmarsi: l’alga è ben visibile, si presenta di colore verdastro, schiumoso e a volte con filamenti. Non invita insomma al bagno. Anche se vi entra a contatto non a tutti provoca fastidio, potrebbe essere irritante per soggetti con pelle sensibile e bambini piccoli. Quelli che devono prestare maggiore attenzione sono i proprietari di cani a passeggio. I nostri amici a 4 zampe potrebbero andare ad abbeverarsi nell’acqua del Lago, non prestando ovviamente attenzione alla presenza delle alghe. Su di loro gli effetti rischiano di essere più importanti, ingerendola.

Il lago di Lugano cambia colore

Dove si trovano?

Il bacino sud (diviso da quello Nord dal Ponte di Melide) e specialmente la sua parte finale, più “chiusa”, è quello più colpito. La zona di Agno/Caslano in Svizzera e di Lavena Ponte Tresa in Italia. Gli ammassi sono fluttuanti e possono spostarsi velocemente con la corrente, il vento ecc. E’ sufficiente “guardare” bene per rendersi conto se vi sono o meno.

Cosa fare?

Per le zone interessate valgono questi consigli

– Le persone con pelle sensibile e i più piccoli sarebbe meglio se evitassero di bagnarsi, per evitare reazioni allergiche cutanee

– Assolutamente non ingerire l’acqua

– Se si opta per il bagno, risciacquarsi accuratamente una volta usciti

Non fare in nessun caso il bagno nei pressi di tappeti di alghe

– Evitare di far bagnare e abbeverare i propri cani

 

Per approfondire, un documento del Dipartimento della Sanità e della Socialità del Cantone Ticino: https://m4.ti.ch/fileadmin/DSS/DSP/LC/Materiale_divulgativo/Cianobatteri.pdf

Eleonora Martinelli
martinellieleonora@gmail.com

Con VareseNews voglio contribuire ad una costruzione positiva del senso di comunità. Dare voce alle persone e al territorio, far conoscere il loro valore. Sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.