Arte e architettura uniscono Santa Monica a Casciago

La seconda edizione di Madworkshop Abroad finanziata dalla fondazione americana presenta tre installazioni performative degli architetti Costanza Giordano, Giulia Perniola e Tatiana Pankina

Madworkshop  Abroad

L’architettura può far divertire, emozionare, riflettere. Può lavorare in ampi spazi futuristici o confrontarsi con spazi raccolti e ricchi di storia. Può creare un legame tra due paesi molto lontani come l’Italia e la California. Lo conferma la seconda edizione di Madworkshop Abroad presso la chiesa sconsacrata di San Giovanni a Casciago che presenta tre installazioni performative degli architetti Costanza Giordano, Giulia Perniola e Tatiana Pankina, tre giovani neolaureate dell’USI-Accademia di Architettura di Mendrisio.

Galleria fotografica

Madworkshop Abroad 4 di 15

Tre lavori sono molto diversi tra di loro ma accumunati dalla riflessione intorno al movimento, il corpo e l’architettura. Sono stati selezionati da una giuria internazionale tra gli studenti diplomandi del Professor Riccardo Blumer e occupano la chiesa e il sagrato trasformandola in uno spazio culturale sperimentale.

La realizzazione è stata resa possibile grazie alla volontà e il finanziamento della fondazione The Martin Architecture and Design Workshop” , con sede a Santa Monica in California che si impegna da anni a promuovere progetti e idee innovativi di studenti, architetti, designer e artisti.

«L’incontro con questa realtà sensibile alla promozione della cultura artistica legata al design e all’architettura è avvenuto a Villa Panza qualche anno fa – spiega Riccardo Blumer – David Martin e sua moglie hanno creduto in questo progetto e si sono fatti mecenati e promotori. In qualche modo il legame tra l’America e Varese cominciato da Giuseppe Panza prosegue con nuovi progetti, nuove idee e nuove arti».

Madworkshop  Abroad

I tre lavori coinvolgono il pubblico invitando a esplorare lo spazio attraverso la danza e la luce nel lavoro di Costanza Giordano a ripensare una nuova forma di universo disegnando nuovi limiti spaziali nel lavoro di  Giulia Perniola e “giocare” con un’altalena speciale che mette in scena un vivace spettacolo di luci di Tatiana Pankina.

Danza, gioco, e interazione sono quindi gli elementi progettuali della festa d’arte e di architettura che questo evento tutti i sabato e domenica fino al 17 ottobre trasformerà la chiesa sconsacrata di Casciago in un luogo d’arte.

«La storia, l’arte e la cultura non hanno confini – afferma Mirko Reto Sindaco di Casciago – e può unire luoghi tanto lontani e tanto diversi come Casciago e Santa Monica. Sono molto contento e orgoglioso di questi lavori che trasformeranno questo luogo in un centro culturale».

Madworkshop  Abroad

La collaborazione con Riccardo Blumer e gli studenti ha già visto prodotto il padiglione “Wall” presso la Biennale di Architettura di Venezia del 2018, l’esposizione con il FAI a Villa Panza “Light Theaters” (2018) e la performance “Feel the Air” come risultato dell’omonimo workshop tenuto da Blumer a Santa Monica nel 2018. Nel 2019 la fondazione californiana ha promosso la prima edizione del progetto Madworkshop Abroad a Casciago con l’installazione “Témenos” dell’architetto Sofia Boarino.

L’evento rientra sia nel programma della Design Week di Varese, che nelle giornate FAI del 16 e il 17 ottobre.

Luogo e orario: Sabato e domenica Chiesa di San Giovanni, via Scalette 1, 21020 Casciago. Dalle h.14.00 alle h.18.00. L’ingresso alla chiesa rispetta le normative anti Covid-19

Erika La Rosa
erika@varesenews.it

 

Ascolto le storie del mondo per conoscere il passato, vivere il presente e sognare il futuro. Scrivo per condividere le emozioni con il lettore che per me è il vero protagonista.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 24 Settembre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Madworkshop Abroad 4 di 15

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.