La giornata della legalità a Laveno Mombello

Un tradizionale incontro tra il mondo della scuola e dei giovani e l’universo della legalità. Tema della giornata: “Ergastolo ostativo – Aspetti e punti di vista”

giornata della legalità laveno mombello novembre 2017

Si è tenuto venerdì 24 settembre il tanto atteso incontro annuale della Giornata della Legalità a Laveno Mombello, nell’aula magna dello storico Istituto “Galileo Galilei”, con Tina Montinaro e i ragazzi delle scuole locali, nell’ambito della conferenza “Ergastolo ostativo – Aspetti e punti di vista”.

Il dibattito che ha visto coinvolti, oltre a Tina Montinaro e alla sua sempre toccante testimonianza diretta, il dirigente Avv. Leonardo Salvemini e il Prof. Davide Galliani, entrambi docenti presso l’Università degli Studi di Milano ed ha avuto come moderatrice la Dott.ssa Luisiana Gaita,

giornalista de “Il Fatto Quotidiano”, si è rivelato molto ricco e stimolante nell’esporre al giovane pubblico in modo chiaro e coinvolgente le principali problematiche collegate oggi al fenomeno mafioso e alla sua repressione carceraria, argomento notoriamente complesso e fonte di costanti sfide per le Istituzioni. Al centro soprattutto il difficile nodo del rapporto fra magistratura ed autorità inquirenti e gestione della collaborazione con la giustizia da parte dei detenuti per reati a stampo mafioso soggetti a regime penitenziario comportante ergastolo ostativo, soprattutto a fronte dell’ondata di indignazione popolare scatenata dalle recenti scarcerazioni di noti individui a suo tempo condannati per stragi di mafia.

Ai lavori del convegno hanno anche assistito e partecipato esponenti e rappresentanti delle Istituzioni locali e delle Forze dell’Ordine, che hanno portato a loro volta la loro preziosa esperienza sul campo.

Per l’istituto lavenese l’incontro si è ancora una volta dimostrato un efficace terreno di confronto tra il mondo della scuola e dei giovani e l’universo della legalità, che naturalmente i relatori non hanno mancato di ribadire con convinzione essere non una retorica e vuota parola da rispolverare solo in certe occasioni commemorative nazionali, ma un patrimonio duraturo della nostra cultura civile da coltivare costantemente nel nostro vivere quotidiano, partendo proprio dalle più fresche generazioni.

Solo così avranno compimento le profetiche parole del giudice Paolo Borsellino: “Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo”.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.