Più che raddoppiati nel 2021 i bambini che non vanno all’asilo

Rispetto allo scorso anno scolastico le scuole dell'infanzia di Varese e provincia hanno perso quasi 1500 alunni e il tasso di frequenza è passato dal 98,2% al 95,3%

bambini

Il calo demografico da solo non basta a spiegare i dati che vedono le scuole dell’infanzia di Varese e provincia perdere in un solo anno scolastico 1471 iscritti.
Al calo delle nascite è imputabile solo una riduzione di 864 iscritti. Per tutti gli altri (circa 600 bambini)
l’assenza dagli asili statali o paritari della terra dei laghi, è frutto di una precisa scelta delle famiglie.

Che le scuole siano in difficoltà per effetto del calo delle nascite non è certo una novità: la crescita demografica in provincia di Varese ha avuto il suo apice nel 2010 (con 8643 nuovi nati secondo i dati Demo-Istat) per poi iniziare la discesa a partire dal 2011, tanto che nel 2020 i nuovi nati sono stati 6265 (-27,5% in 10 anni).
La curva delle iscrizioni a scuola ha cominciato a scendere di conseguenza, ma tra lo scorso anno scolastico e quello appena cominciato per le scuole dell’infanzia si è innescato un meccanismo in più: sono più che raddoppiati, sia in termini assoluti che percentuali, i bambini i genitori preferiscono non mandare all’asilo.

bambini
Andamento demografico dei nuovi nati in provincia di Varese negli anni 2000

Anni scolastici a confronto

Secondo i dati pubblicati dall’Ufficio scolastico regionale, l’anno scorso frequentavano le scuole dell’infanzia di Varese e provincia 21.433 bambini (di cui 6.804 iscritti nelle 86 scuole statali e 14.629 iscritti alle 193 paritarie tra Fism e comunali).
Ma il numero degli iscritti risulta drasticamente ridotto per l’anno scolastico 2021-2022 appena cominciato: sempre secondo l’Usr quest’anno gli iscritti alle materne del Varesotto non arrivano a 20 mila (19.962 per la precisione). A perdere alunni sono stati sia gli asili statali con 6.502 iscritti (300 bambini in meno rispetto all’anno scorso), sia gli asili paritari che contano 13.460 bambini frequentanti, vale a dire 1.169 meno dello scorso anno: in totale -1.471 iscritti alle materne a settembre 2021 rispetto al 2020. Tanti per un corso di scuola di tre anni: –6,8%.

Ma seguendo il calo demografico (dati Demo-Istat come da tabella) ci si sarebbe potuti aspettare una riduzione minore degli iscritti se si considera che hanno iniziato la prima elementare i bambini della coorte 2015 per fare posto ai nuovi iscritti del 2018 che compiranno i tre anni entro la fine di dicembre, con una differenza (sempre per coorte di età) di -864 bambini. Un calo di iscrizioni che avrebbe potuto anche essere mitigato dal buon riscontro delle sezioni primavera. E invece, mancano all’appello altri 600 bambini.

L’anno scorso, sui 21.828 bambini in età compresa tra 3 e 5 anni, frequentavano le scuole dell’infanzia statali o paritarie della provincia di Varese 21.433 bambini, vale a dire il 98,2% (risultavano non iscritti 395 bambini).
Questo anno scolastico 2021-2022 inizia invece con il 95,2% dei bambini iscritti alle materne: 19.962 sui 20.964 bambini nati tra il 2016 e il 2018. Significa che almeno mille bambini (il 4,8%) tra i 3 e i 5 anni non frequentano la scuola dell’infanzia.

Bambini che restano a casa o frequentano asili alternativi

«Ci siamo accorti di questa emorragia di studenti – afferma Maria Chiara Moneta, presidente provinciale di Fism cui fanno riferimento circa 160 materne – Il calo di alunni è superiore al 5% sia per le statali che per le paritarie, che hanno retto riducendo il numero di sezioni e, soprattutto il numero di alunni per classe, evitando il più possibile di ridurre i servizi come pre e dopo scuola. Ma così mantenere in equilibrio i bilanci ed estesi i tempi del servizio è sempre più difficile».

Da un lato ci sono i problemi annosi che riguardano la necessità di creare situazione socio economiche più favorevoli, con precise politiche di conciliazione dei tempi scuola-lavoro per i genitori e adeguati sostegni economici alle famiglie, dall’altro ci sono gli effetti tutti nuovi della pandemia.

«La sensazione è che ci siano molte famiglie spaventate dal Covid, sia perché ci sono particolari fragilità in casa o perché per i bambini così piccoli non è possibile l’uso di mascherina – spiega Moneta – Altri sono scoraggiati dal rischio che le classi rimangano chiuse per settimane per quarantena».

Infine, da non sottovalutare, la crescente fortuna degli asili nel bosco, o delle scuole di metodo alternative più in generale, che, spesso, contano su numeri (o bolle) più piccoli e che non si configurano come scuole vere e proprie ai fini delle rilevazioni.

Lidia Romeo
lidiaromeo@gmail.com

Sostieni VareseNews perché diamo spazio a tutti i cittadini, anche i più piccoli, i bambini, che sono il futuro.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. massimiliano_buzzi
    Scritto da massimiliano_buzzi

    errore madornale che comporterà conseguenze a cascata nella vita dei bambini. la socialità inizia a 2/3 anni.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.