1500 coperte contro la violenza alle donne: Viva Vittoria Varese a un passo dall’obiettivo

Il 28 novembre Viva Vittoria sarà in Piazza Repubblica contro la violenza sulle donne, con un obiettivo ambizioso: ricoprire la più grande piazza della città del lavoro di tante donne. Ecco come fare per partecipare

Presentata alle Corti Viva Vittoria Varese

Sono arrivate già a 3500 quadrati, corrispondenti a 700 coperte, realizzate da decine di gruppi di donne del territorio varesino: ma l’obiettivo è arrivare a 1500 e letteralmente “ricoprire” piazza Repubblica.

Galleria fotografica

Presentata alle Corti Viva Vittoria Varese 4 di 15

Viva Vittoria, un progetto che ha come finalità la sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, per diffondere il messaggio che la violenza si può fermare cominciando da noi stessi e dalla consapevolezza che noi siamo artefici della nostra vita, ha questo ambizioso fine per la giornata del 28 novembre: Piazza Repubblica, che è la piazza più grande della città,  verrà allestita da grandi coperte, realizzate grazie alla collaborazione di tutte le persone che vorranno partecipare con la creazione di un quadrato in maglia 50×50 cm, a ferri o uncinetto, da firmare con il proprio nome. Un simbolo che vuole rappresentare un “NO alla violenza sulle donne” di ogni partecipante.

La presentazione dell’evento è avvenuta al piano -2 del centro Commerciale le Corti, dove nella grande piazza interna decine di donne stavano confezionando i quadrati: «Viva Vittoria è un’opera relazionale condivisa che prevede il coinvolgimento di migliaia di persone per dire tutti insieme no alla violenza sulle donne – ha spiegato Cristina Begni, fondatrice di Viva Vittoria Brescia e di tutto il movimento che sta invadendo l’Italia – Invitiamo tutti a venire il 28 novembre a vedere l’installazione finale, ma in questo mese e mezzo che manca vi invitiamo anche a costruire il vostro no, donando il vostro quadrato 50×50 e firmandolo, come vostra presa di coscienza contro la violenza sulle donne».

«Questo progetto che era stato fatto partire da Antonia molti mesi fa – spiega Dario Cecchin vicepresidente di Colori del mondo – adesso è nella fase in cui ha un bisogno assoluto della presenza di volontari che realizzino gli ultimi quadrati, cuciano le coperte, aiutino ad allestire una piazza della Repubblica come non è stata mai vista. Quindi oltre a venire alla manifestazione, adesso servono anche le presenze».

I quadrati in maglia verranno cuciti 4 alla volta e saranno oggetto di una raccolta fondi a favore di associazioni varesine che si occupano del reinserimento nella società delle donne vittime di violenza: «Ad oggi abbiamo realizzato 3500 quadrati – ha spiegato Antonia Calabrese, organizzatrice del progetto Viva Vittoria Varese – coperte cucite totali ne abbiamo 700 pronte da portare in piazza. Il mio obbiettivo è arrivare a 1500 coperte».

«La definirei una mobilitazione – ha affermato il Sindaco, Davide Galimberti – che vuole mettere al centro un tema importante nella vita civile e sociale abbinando solidarietà ad un messaggio chiaro contro la violenza sulle donne. È la dimostrazione di una Varese che quando sa fare squadra è in grado di fare grandissime cose».

Chiunque è invitato a partecipare ed è possibile scegliere la modalità attraverso cui aiutare Viva Vittoria e il suo progetto: Realizzando il proprio quadrato in maglia 50×50 cm e consegnandolo nei centri di raccolta, di cui si può trovare l’elenco a questo link; andare direttamente a cucire i quadrati con i volontari dell’associazione; oppure aiutando Viva Vittoria ad allestire la piazza il 28 novembre.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare Antonia Calabrese,  responsabile dell’evento e coordinatrice operativa dell’associazione, al numero 348 3628960 oppure inviando una mail all’indirizzo varesein@gmail.com

di
Pubblicato il 14 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Presentata alle Corti Viva Vittoria Varese 4 di 15

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.