Il “caso asilo” torna in consiglio comunale a Laveno. La minoranza: “Incapacità istituzionale”

I gruppi "Centrosinistra" e "Il domani inizia oggi" hanno presentato una mozione congiunta contro la decisione del Sindaco di chiudere la struttura a partire dal primo settembre

consiglio comunale laveno

Il “caso asilo nido” continua ad essere motivo di scontro tra l’attuale amministrazione e la minoranza. I gruppi “Centrosinistra” e “Il domani inizia oggi” hanno presentato una mozione congiunta contro la decisione del Sindaco di chiudere la struttura a partire dal primo settembre.

Tutti gli articoli sull’asilo nido di Laveno 

In seguito all’ultimo consiglio comunale, si è tenuto il 29 settembre, i gruppi di minoranza spiegano: “Ci sentiamo in dovere di segnalare a coloro che si erano promossi presso i cittadini di Laveno come i migliori (Supercompetenti pieni di idee sotto l’unica bandiera di un ambizioso programma di ben 42 pagine) come, facilmente e incoscientemente si possa superare il limite tra una comunicazione istituzionale praticamente perfetta e quella che definiamo invece una propaganda imperfetta”.

E riferendosi all’ultimo consiglio comunale spiegano: “Ne è un plateale esempio lo scivolone in diretta streaming nel consiglio comunale del 29 settembre durante il quale il nostro Sindaco, incalzato e messo alle corde dalle puntuali osservazioni di tutti i consiglieri di minoranza sulla questione del “nido mancato”, ha ripetuto più volte ed in tutte le salse questo concetto:
“il 16 aprile 2021 abbiamo verificato lo stato di inadeguatezza della struttura dell’asilo nido di Laveno che avrebbe dovuto chiudere immediatamente per diverse criticità, tra cui la difficoltà di adeguamento alle norme antincendio di una struttura prefabbricata degli anni ‘70, tuttavia abbiamo concordato con l’ufficio preposto di tacere lo stato di pericolosità per non creare disagio alle famiglie assumendoci tutta la responsabilità di lasciare aperto il nido. Nella relazione datata 9 agosto poi, sempre in accordo con l’ufficio tecnico, abbiamo deciso di non dichiarare l’inagibilità ma di scrivere: tali carenze, se non rimosse, non permettono di raggiungere le condizioni di agibilità, dando comunicazione (il 12 agosto N.d.R.) della chiusura della struttura alle famiglie coinvolte. E questo per non far fare brutta figura all’istituzione comunale.” Ora, chi abbia seguito il consiglio, avendo o non avendo avuto dei figli iscritti all’asilo o in un’altra scuola del Comune, pensiamo abbia fatto un balzo sulla sedia! Uno stupefatto consigliere Besana ha dovuto ricordare al Sindaco che stava parlando in diretta streaming: che immagine stava dando del Comune e dei responsabili degli uffici?

Ma ci si chiede il Sindaco e l’assessore competente fino ad aprile non hanno mai visitato l’asilo nido e le scuole del Comune? E se l’hanno fatto solo in tale data, perché non hanno avvisato immediatamente le famiglie che era opportuno non continuare ad usare la struttura quando il servizio è stato chiuso a luglio? Operandosi celermente per trovare una soluzione adeguata per la riapertura del nido nel Comune?

Dato che in 12 mesi hanno partecipato a così tanti bandi, forse erano troppo impegnati nel raggiungere gli obiettivi del loro programma per curarsi di tutelare un servizio così importante del Comune? Troppo occupati nel realizzare anche solo parzialmente quanto promesso?
Quale è il senso di chiamare in causa l’incaricato dell’ufficio tecnico nella responsabilità di omissioni così derimenti e rilevanti da più punti di vista? Si fa presente che la scelta, ascoltato l’ufficio tecnico, di quando e come agire è sempre politica e la responsabilità è tutta dell’amministratore. Assistere al coinvolgimento personale del tecnico del comune è stato veramente imbarazzante”.

E concludono: “Sarebbe poi senza dubbio il caso, Sindaco, che avesse modo di riflettere bene per il futuro sullo stile ma la sostanza soprattutto della relazione che vuol tenere coi lavenesi che, spiace doverla avvisare senza mezzi termini, non sono lavoranti di una fazenda da governare con la generosa supponenza di un cattivo e permaloso padre di famiglia.
Perché la propaganda, per il popolo, è sempre una iattura e una brutta bestia che sopravvive nutrendosi di tacere alcune cose a volte o di “fornire una versione mascherata dei fatti” altre, per esempio, come ci è sorprendentemente toccato di vedere e sentire in diretta al consiglio comunale del 29 settembre… Ma la propaganda è fortunatamente sempre imperfetta… Comunque, non potendo far altro che riflettere sui fatti dell’oggi e siccome la speranza è dura a morire, staremo in rassegnata attesa di essere governati con una maggiore maturità istituzionale”.

I gruppi Centrosinistra e Il domani inizia oggi

Il Consiglio Comunale

https://youtu.be/1wrel0x4gjE

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.