Lo “strano caso Piccolomo“ sabato sera a Un giorno in pretura

Il processo per la morte della moglie di Giuseppe Piccolomo, accusato di omicidio, fermato in appello a Milano secondo il principio del ne bis in idem

Tribunale

Testimoni, parenti, soccorritori e accusatori che raccontano di una morte terribile.

Un fatto che per la giustizia fu incidente stradale ma per i pubblici ministeri che inquisirono Giuseppe Piccolomo – già in carcere all’ergastolo per l’omicidio di Carla Molinari consegnandolo alle cronache come il killer delle mani mozzate -, le figlie che lo accusarono, e per i giudici che lo condannarono invece no, anche se per ciò che accadde a Caravate nell’inverno del 2003 Piccolomo ha già saldato il suo conto con la giustizia con un patteggiamento, tre anni dopo: la morte, bruciata viva, della moglie Marisa Maldera fu un incidente stradale.

Una vicenda che venne nuovamente riesumata dai magistrati di Milano che fecero tornare questo imbianchino originario di Corato sul banco degli imputati, condannato all’ergastolo dalla corte d’Assise di Varese, pena annullata in Appello a Milano per il principio del ne bis in idem: non si può venir condannati due volte per lo stesso fatto.

Una temperie giudiziaria che verrà ripercorsa con la consueta dovizia di immagini e spiegazioni nel corso della celebre trasmissione “Un giorno in pretura” in onda sabato prossimo in seconda serata, su Rai3.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 08 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.